Pubblicato: Mer, Novembre 13, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Christian De Sica "Sono solo fantasmi": "Mio padre? Un donnaiolo vero!"

Christian De Sica

E perché questo mi permette di continuare a fare film. Mio padre, a differenza di quello del film, era generoso, ma anche lui grande giocatore, con tante moglie e figli: ogni tanto mi ritrovo una sorella che spunta. De Sica ha raccontato che prima di morire suo padre gli ha 'affidato' la mamma e il fratello e poi ha fatto una battuta sul lato B di un'infermiera, per farlo divertire. Il vero omaggio a lui sarebbe riuscire a fare finalmente il film La porta del cielo, con la bella storia d'amore tra mio padre e mia madre. "Massimo Soldi era batterista".

Silvia Verdone non è solo moglie del famoso attore Christian De Sica e sorella dell'altro big del cinema italiano Carlo Verdone. Una soirée con ospiti d'eccezione, dai genitori ai principi di Monaco, Ranieri e Grace Kelly. Tanto che da Medusa ci hanno chiesto di togliere un paio di scene perché i fantasmi facevano troppa paura e avrebbero spiazzato il nostro pubblico.

Un thriller-horror travestito da commedia che racconta di tre bizzarri fratellastri, che alla morte del padre, decidono di aprire un'agenzia di acchiappafantasmi per sfruttare l'ingenuità popolare dei napoletani, finché non si accorgono che gli spiriti esistono davvero. Parola di Christian De Sica, romano doc ma figlio di Vittorio De Sica che è stato un indimenticato attore napoletano. Ma poi non siamo riusciti ad avere i diritti per il remake.

"Se avessi continuato a fare l'unviersità non ce l'avremmo fatta, mio padre quando è morto non è che ci abbia lasciato in una buona situazione economica, era giocatore". E proprio parlando del film in prossima uscita, Christian De Sica ha voluto fare un apprezzamento al modus vivendi napoletano, spiegando che a suo avviso sono proprio i partenopei ad avere una marcia in più rispetto ai romani come lui. "Noi facevamo finta che non era malato e lui faceva finta di non esserlo".

More news: Nazionale, i convocati di Mancini: prima chiamata per Castrovilli, c’è Chiesa

Tutto sembra andare per il meglio fino a quando lo spirito del padre Vittorio s'impossessa del corpo di Carlo e i tre risvegliano il fantasma della Janara, temibile strega che vuole dare fuoco a Napoli "In realtà volevo fare un remake di 'Oscar insanguinato' con me e Boldi intenzionati ad uccidere la Detassis e tutti i critici che non ci hanno dato mai grandi soddisfazioni - dice scherzando De Sica -".

Superati i dissidi con la famiglia Verdone, nel 1980 i due si sposano.

Christian e Silvia si sono conosciuti quando lei aveva 14 anni, è stato amore a prima vista. "Avevo 23 anni". Ma poi aggiunge: "Se li è guadagnati lui ha fatto bene, poi mi ha lasciato tante cose che con i soldi non c'entrano". La sua storia professionale si mischia anche alla sua vita privata.

Una vita vissuta a pieno e seguendo gli insegnamenti paterni basati sul godere di ogni momento. Ho recitato in 110 film, ho esordito con Rossellini che detestava gli attori e stava rovinando Ingrid Bergman, sul set mi diceva, fai di meno, non fare come tuo padre.

Come questo: