Pubblicato: Dom, Novembre 10, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Juventus, Douglas Costa torna protagonista: come cambiano le gerarchie

Juventus, Douglas Costa torna protagonista: come cambiano le gerarchie

Dopo il gol vittoria contro la Lokomotiv Mosca, Douglas Costa è stato intervistato da SkySport ed ha parlato del suo ruolo in campo, del Milan prossimo avversario in campionato e della questione razzismo nel calcio dopo gli ultimi incresciosi fatti.

Il goal di Douglas Costa infatti è stato premiato come il più bello della settimana di Champions League battendo Sterling del Manchester City, Oxlade-Chamberlain del Liverpool e Kondogbia, ex Inter oggi al Valencia. "Da quando è a Torino la percentuale di massa grassa della squadra si è abbassata, ci dà tanto anche lontano dal campo", ha dichiarato Douglas Costa. "Non sono abituato a togliermi la maglietta dopo un gol, ma è stato un momento di liberazione". Quando ho superato i due difensori ho visto che potevo puntare la porta. "Dedico il gol a Nathalia, una persona molto importante per me".

More news: Forze Armate: la cerimonia all'Altare della Patria

"Ero in posizione da trequartista e faticavo a trovare spazio. Ma credo che il Milan sia comunque una buona squadra e meriti grande rispetto".

Douglas Costa, esterno offensivo della Juve, ha parlato ai microfoni di Sky Sport in vista della sfida contro il Milan, in programma domenica sera allo Stadium: "Il Milan del passato era una squadra fenomenale, che vinceva tutto, come ad esempio se facciamo dei paragoni possiamo dire anche della selezione brasiliana, che in passato aveva tutti fenomeni in squadra..." Paquetà? Lo conosco ed è un giocatore importante, l'ho apprezzato in Nazionale, ha ottime qualità.

Come questo: