Pubblicato: Ven, Novembre 08, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Di Maio: Italia e Cina mai così vicine

Di Maio: Italia e Cina mai così vicine

Per l'Italia, in particolare, i capitoli più delicati del MoU sulla BRI - investimenti in infrastrutture strategiche nazionali e apertura del mercato 5G - non sono all'ordine del giorno.

Intese in discussione da tempo, ma che non sembrano in grado di far decollare i nostri saldi commerciali con Pechino, né di ridurre la distanza in export e investimenti che ci separa dai principali concorrenti europei. "E restituisce a quel territorio turisti, curiosi di vedere quelle bellezze storico-artistiche".

Agenpress - "L'Italia e la Cina non sono mai state così vicine".

"Viaggio lungo, ma estremamente importante per il nostro Paese e i nostri imprenditori al Ciie".

More news: Messico, strage di mormoni: uccise 12 persone

La presenza di Di Maio consolida il ruolo che Roma vuole recitare all'interno della comunità internazionale, in difesa della globalizzazione e del multilateralismo. Se nei primi sei mesi del 2019 si era registrata una crescita, seppur lieve, dello 0,3%, allargando l'orizzonte al periodo gennaio-settembre, si nota un calo dell'export italiano verso la Cina del 2,4%, dinamica negativa che si è avviata bruscamente a luglio (dati Istat).

Questa sera Di Maio parteciperà invece, in via straordinaria - secondo quanto si apprende - alla cena di benvenuto offerta dal presidente cinese Xi Jinping ai capi di Stato e di governo.

Il 2020 "deve essere l'anno del turismo, e ci siamo detti con il ministro degli Esteri cinese (Wang Yi incontrato in mattinata, ndr) e siamo d'accordo, dobbiamo rinegoziare l'accordo aeronautico, cioè sono le rotte turistiche Cina-Italia, Italia-Cina". Il 2020, tra Italia e Cina, "è l'anno in cui raccoglieremo i frutti della Belt and Road Initiative": i due Paesi celebreranno i 50 anni delle relazioni diplomatiche. A conferma inoltre dell'obiettivo italiano di esercitare un'opera da paciere tra Cina e Usa arrivano le dichiarazioni di Di Maio riportate dall'Ansa: "Sulle tensioni economiche tra Usa e Cina noi auspichiamo che il prima possibile ci possa essere un accordo perché serve ad abbassare le tensioni: l'Italia è un Paese esportatore". L'export può "crescere ancora di più", ma "le tensioni commerciali tra Usa e Cina non aiutano i mercati internazionali e non aiutano le nostre imprese", specifica il ministro degli Esteri. Successivamente i due hanno celebrato il momento con un buon Prosecco."È un piacere averla qui oggi Presidente, le mostro le nostre eccellenze, il nostro made in Italy, i nostri valori che la nostra industria nazionale riesce a trasmettere in tutto il mondo", ha detto Di Maio.

Come questo: