Pubblicato: Gio, Novembre 07, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Balotelli: "Colleghi e tifosi uomini veri". Poi risponde a Juric

Balotelli:

Ha infatti ammesso di aver sentito diversi fischi ma nessun coro razzista.

Signor Salcedo, come sta? Sono felice di affrontare questa avventura, spero il prima possibile di riuscire a trasmettere la mia passione. Con grande onestà mi sono sempre distaccato e mi sono messo sempre in discussione, è importante per migliorare. Ce lo abbiamo anche noi un negro, che ha segnato, e gli abbiamo battuto le mani.

Come avete festeggiato? "In modo semplice: famiglia e amici. Ma è normale, lui è genovese...". Ha voluto insultare e infamare Verona per la sua immagine. Si tratta della prima esperienza alla guida di un club di Serie A per Grosso che una volta appesi gli scarpini al chiodo, ha allenato l'Under 19 e la Primavera della Juventus e in Serie B il Bari e il Verona. Con un pensiero per Corini: "Saluto Eugenio che è un amico, ribadisco i complimenti che gli ho fatto in passato".

Il tridente è la soluzione tattica che più lo affascina.

Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro per le Politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora, che ha condannato quanto accaduto e auspicato iniziative concrete per combattere episodi di intolleranza e discriminazione.

More news: Juventus, Sarri pensa a Douglas Costa trequartista: "Può essere devastante"

Qui si vedono dei bambini africani incitarlo al grido di "Balotelli uno di noi".

Suo figlio è mai stato vittima di razzismo in campo?

Ha dedicato i gol ai nonni. Il mister degli scaligeri ha smentito tutto: a suo dire non ci sarebbero stati cori discriminatori nei confronti di Balo, solo fischiato e provocato con sfottò dai sostenitori gialloblu. Anche mio padre ha giocato a calcio in Colombia, da piccolo gli diceva: "diventerai calciatore". "Sappiamo che il campionato è complesso, ci saranno tanti momenti difficili come quello che stiamo attraversando ma già dal prossimo match abbiamo l'intenzione di mettere fieno in cascina.: ".

48': contatto al limite dell'area, Romulo va a terra ma per l'arbitro non è rigore.

E oltre ciò, una raffinatissima signorina che pensa bene di apostrofare in maniera poco educata l'ex centravanti di Inter e Milan (in questo caso specifico non possiamo parlare di razzismo ma di maleducazione). È un modo per stare insieme, parlare un po': questi ragazzi all'improvviso guadagnano dei soldi, diventano grandi, famosi, ma è fondamentale che restino semplici, umili, con i piedi per terra.

Come questo: