Pubblicato: Mar, Ottobre 15, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Ucciso in carcere il pedofilo più spietato del mondo: violentò 200 bambini

Ucciso in carcere il pedofilo più spietato del mondo: violentò 200 bambini

Nel 2016, dopo aver ammesso 71 accuse di abusi sessuali su bambini di età compresa tra i sei mesi e i 12 anni, tra il 2006 e il 2014, gli sono state comminate 22 condanne a vita.

Gran parte delle vittime di Richard Huckle erano i figli di persone che l'uomo, 30 anni al momento della cattura, ingannava raccontando di essere un missionario cristiano. Secondo gli inquirenti "teneva diligentemente conto dei nomi in un quaderno, scrivendo nel dettaglio cosa aveva fatto a ognuno di loro". "Sarebbe inappropriato commentare ulteriormente mentre è in corso un'indagine di polizia".

More news: Dazi: Tronchetti, 'senza accordo Usa-Cina non c’è crescita'

La vicenda ha avuto inizio a Toronto, in Canada, nel 2011. Lì aveva sede la società di Brian Way, un uomo d'affari di 42 anni che aveva "un racket della distribuzione di film per pedofili, dal valore di quattro milioni di euro". "Era entusiasta di quello che faceva".

Il Guardian riporta, poi, le dichiarazioni di un portavoce del Servizio penitenziario: "Il prigioniero Richard Huckle è morto il 13 ottobre, nel carcere di massima sicurezza di Full Sutton".

Come questo: