Pubblicato: Dom, Ottobre 13, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Preso il 'mostro di Nantes', sterminò la famiglia nel 2011

Preso il 'mostro di Nantes', sterminò la famiglia nel 2011

Ieri è stato annunciato l'arresto del 58enne aristocratico uomo d'affari all'aeroporto di Glasgow, in Scozia, dove l'uomo sarebbe arrivato con un volo da Parigi.

Finita dopo otto anni di fuga la caccia a Xavier Dupont de Ligonnes, soprannominato il "mostro di Nantes", accusato di aver ucciso la moglie 48enne e i quattro figli di 21, 18, 16 e 13 anni nel 2011, di averli fatti a pezzi e sepolti in giardino. Lo riferiscono fonti citate da Le Figaro, dopo i dubbi sull'identità dell'uomo, che avevano indotto anche gli investigatori alla prudenza.

E stamattina radio Europe 1 ha diffuso la testimonianza di un uomo, identificato come Jacques e presentato come vicino di casa di Dupont. Dall'autopsia era emerso che i ragazzini vennero drogati e poi uccisi con almeno due colpi di fucile alla testa.

More news: Genny 'a carogna: "La mia lite in discoteca con Lavezzi"

Le ultime 'apparizioni' di Xavier Dupont de Ligonnes vengono fatte risalire al 14 e al 15 aprile 2011, una decina di giorni dopo la data presunta della strage, e furono immortalate dalle telecamere di un distributore di biglietti e da quella di un albergo. L'uomo aveva anche saldato le rette scolastiche dei figli e inviato una lettera collettiva ai parenti inventando una specie di "spy story".

Secondo quanto riferito dalla tv BFM, l'arrestato non somiglia neppure fisicamente a Xavier Dupont de Ligonnès: sembra più avanti con gli anni rispetto ai 58 che dovrebbe avere il ricercato, ma anche la forma degli occhi è diversa.

La vicenda di Xavier Dupont de Ligonne's, indebitato fino al collo a causa di cattivi investimenti e discendente di famiglia nobile, aveva appassionato la Francia. Dupont viaggiava sotto falsa identità e secondo i media francesi è stato tradito da una segnalazione anonima.

Come questo: