Pubblicato: Mar, Ottobre 08, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

La Turchia pronta a invadere il nord della Siria

La Turchia pronta a invadere il nord della Siria

Erdogan è pronto a invadere il Nord della Siria? "Speriamo che i nostri colleghi turchi aderiscano a questo principio", ha detto Peskov ai giornalisti, quando gli è stato chiesto della posizione del Cremlino rispetto ai piani di Ankara. Il "via libera" americano permetterà alla Turchia di Erdogan di attaccare le milizie curde Ypg, considerate alla stregua delle formazioni terroristiche del Pkk da Ankara. Al Congresso, sia repubblicani che democratici hanno messo in guardia contro una simile iniziativa che, mettendo in pericolo le forze curde che finora hanno sopportato il peso maggiore della campagna militare contro lo Stato islamico, avrebbe inviato un messaggio preoccupante agli alleati americani in tutto il mondo.

Putin, stretto alleato del presidente siriano Assad, ha espresso tramite il suo portavoce l'auspicio che la Turchia non attenti all'integrità territoriale della Siria.

In Parlamento una mozione - Il Parlamento turco discuterà domani una mozione presentata dall'ufficio del presidente Recep Tayyip Erdogan per estendere di un anno l'autorizzazione delle missioni militari in Siria e Iraq, in scadenza il prossimo 30 ottobre. La Grisham ha continuato dicendo che: "Le forze armate degli Stati Uniti non sosteranno questa operazione e, avendo sconfitto il califfato territoriale dello Stato Islamico, non saranno più nell'area circostante".

More news: Calcio Lazio, Inzaghi: "Con il Rennes come se fosse una finale"

Le Forze democratiche della Siria (l'alleanza curdo-arabo delle Fds) si sono dette pronte a difendere "a ogni costo" la regione minacciata dal governo di Erdogan. "Ma ci prepariamo al peggio", ha dichiarato il coordinatore Onu per le operazioni umanitarie in Siria, Panos Moumtzis sottolineando che le Nazioni Unite restano in contatto "con entrambe le parti sul campo". Ha aggiunto che lo scopo dell'operazione sarà quello di liberare il confine siriano con la Turchia dalle forze di autodifesa dei curdi siriani (YPF), creare una zona di sicurezza e accogliere i rifugiati siriani in Turchia. Lo ha twittato Donald Trump. "La zona è diventata un teatro di guerra", ha commentato Mustafa Bali, portavoce di Fds, ai microfoni dei media locali.

Ieri si sono tenute grandi manifestazioni della popolazione curda nella regione di Ras al-Ain (Sari Kani), nel nord-est della Siria al confine con la Turchia.

Come questo: