Pubblicato: Dom, Settembre 29, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Roma, maxi scontrino per due spaghetti

Roma, maxi scontrino per due spaghetti

Due primi da capogiro in ristorante: è il caso di dirlo, davanti alla notizia di uno scontrino salatissimo che sarebbe stato battuto a due turiste giapponesi in un locale di Roma.

Succede nel ristorante Antico Caffè di Marte in via Banco di Santo Spirito.

D'accordo, la visuale è una delle più suggestive non solo a Roma o in Italia, ma probabilmente a livello mondiale: siamo infatti a pochissima distanza da Castel Sant'Angelo, lo storico monumento capitolino situato proprio alla fine della stradina. Il locale era già stato sottoposto a controlli amministrativi il 2 settembre scorso dagli agenti del I Gruppo Trevi della Polizia Locale di Roma Capitale e sanzionato con la chiusura per 5 giorni per occupazione irregolare di suolo pubblico. Dopo l'inevitabile polemica, con commenti al vetriolo sia di italiani che di giapponesi, la replica del proprietario del locale: "Prezzi trasparenti, il menù era chiaro". La foto della ricevuta con in bella vista una mancia da 80 euro, è stata pubblicata su Facebook ed ha scatenato gli utenti dei social. (...) Per pagare quella cifra le ragazze non avranno preso solo gli spaghetti, ma anche pesce. "D'altronde, da noi il pesce è fresco: il cliente lo sceglie al bancone, noi lo pesiamo e lo cuciniamo".

Forse le turiste non hanno gradito il pranzo e hanno voluto vendicarsi?

More news: Icardi, nuova vita al PSG: "Sono qui per restare e vincere titoli"

Per quanto riguarda la mancia, i camerieri avrebbero spiegato che si tratta ovviamente di una libera scelta del cliente al quale, però, proporrebbero di scegliere se 'donare' tra il 10 e il 20% dell'importo complessivo.

Ma c'è un'altra cosa che salta agli occhi: mancia da 80 euro.

"Stangate romane, scrive un altro utente, riprendendo il titolo del Messaggero, chiedendosi "perché nessuno fa nulla per evitare questi danni di immagine al Paese", facendo anche riferimento al celebre film in cui Totò e Peppino provano a vendere la Fontana di Trevi". Si trattava sempre di esercizi in zona San Pietro.

Come questo: