Pubblicato: Sab, Settembre 21, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Juve, bilancio 2019 in rosso di 40 milioni

Juve, bilancio 2019 in rosso di 40 milioni

C'è una perdita di quasi 40 milioni di euro nei conti della Juventus messi a bilancio per la stagione 2018/2019.

In pratica, per supportare ulteriormente il processo di crescita necessario (dopo il calo del patrimonio netto complessivo passato da 72 a 31,2 milioni) che ha già comportato notevoli esborsi (vedasi l'operazione Cristiano Ronaldo), è stato dato il via a un aumento di capitale fino a 300 milioni da completarsi entro il 30 settembre 2020.

Il cda della Juventus approva il bilancio 2018-19, con una perdita di 39,9 milioni, dopo i 19,2 milioni di rosso del 2017-18 che avevano spezzato il tris di utili. Tutte in aumento, comunque, le voci relative alle entrate: dal botteghino sono arrivati 70,7 milioni (contro i 56,4 milioni del 2018), sponsor e pubblicità superano la soglia dei cento milioni toccando quota 108,8 milioni (a cui aggiungere 44 milioni di vendite di prodotti e licenze), mentre gli altri ricavi si attestano a 34,1 milioni. In questa fase espansiva il debito ha continuato a crescere: al 30 giugno 2019 l'indebitamento finanziario netto è arrivato a 463,5 milioni (309,8 dodici mesi prima).

More news: Jova Beach Party, tutto pronto per la tappa finale di Linate

Stipulato un accordo di pre-underwriting con BNP PARIBAS, Goldman Sachs International, Mediobanca e UniCredit Corporate & Investment Banking, che agiranno in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners nell'ambito dell'aumento di capitale.

Tale variazione negativa deriva principalmente da maggiori costi per il personale tesserato per € 68 milioni, maggiori ammortamenti e svalutazioni sui diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per € 41,5 milioni, maggiori accantonamenti di fondi per € 14,8 milioni, maggiori imposte per € 3,8 milioni e maggiori oneri finanziari netti per € 3,4 milioni, nonché maggiori altri costi operativi per € 7,2 milioni; tali variazioni negative sono state parzialmente compensate da maggiori ricavi per € 116,8 milioni e altre variazioni nette positive per € 1,2 milioni.

Come questo: