Pubblicato: Gio, Settembre 19, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

E.League, Fonseca: 'Roma ambiziosa, arriviamo lontano'

E.League, Fonseca: 'Roma ambiziosa, arriviamo lontano'

La squadra allenata da Okan Buruk, ex centrocampista dell'Inter, vanta una piccola truppa di vecchie glorie come Robinho, Arda Turan e Skrtel ed è quintultima nel campionato turco. Voglio parlare del presente e di quello che possiamo fare. Confermando anche la volontà di far rifiatare alcuni dei suoi in vista dell'impegno ravvicinato contro il Bologna in campionato di domenica: "Sappiamo che la prossima partita sarà dopo appena un paio di giorni - ha aggiunto Fonseca - bisogna rispettare i tempi di recupero e quindi apporterò cambiamenti alla squadra ma saranno comunque soluzioni di garanzia per vincere questa partita". "L'Europa League è una competizione importante, in questa prima fase abbiamo l'obiettivo dichiarato di andare avanti". Cerchiamo di ridurre al minimo questa moda degli infortuni, ma non c'è un solo indizio a fare la prova. "Partecipiamo con la massima ambizione". "Ma non posso non tenere conto dei prossimi impegni".

Pastore sembra godere di molta stima da parte sua. E' un giocatore di qualità, intelligente e speciale, può tornare utile. "La speranza è che possa stare bene, è sotto gli occhi di tutti che sia un giocatore di grande livello". "Da capitano è un mio obiettivo, far sì che questo non succeda mai".

Pellegrni in gran spolvero da trequartista, ma Fonseca frena: "Pellegrini ha giocato bene da trequartista, ma può fare anche altri ruoli".

Sugli infortuni "Non credo solo la Roma abbia avuto infortuni".

Domani giocherà Pau Lopez o Mirante?

More news: Parma, scoppia il caso Karamoh: "Ci riserviamo ogni diritto a nostra tutela"

"Non voglio rivelare molto sulla formazione, aggiungo che Kalinic è ancora indietro, non ha i 90 minuti nelle gambe: è difficile che possa giocare".

La stagione è iniziata con 5 stop muscolari, cosa ne pensi? Se il mister vede la gente che suda, può perdere la partita, ma non perde la battaglia.

Per la prima volta si trova nelle condizioni di non seguire le orme di chi l'ha preceduta. Cosa non ha funzionato lo scorso anno e quanto è cambiata la Roma? "Non vogliamo farci sorprendere, è una squadra forte".

Il capitano giallorosso Alessandro Florenzi ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia di Roma-Istanbul Basaksehir, gara valida per il girone J dell'Europa League. "Sono focalizzato sulla Roma, darò il 100% e darò il mio contributo per la squadra in qualunque ruolo, non fa differenza". Ho visto una squadra umile e seria, pronta a battagliare e aiutare il compagno.

"Ci saranno partite in cui se il mister lo riterrà opportuno lo faremo, ogni partita viene analizzata nei minimi dettagli". Non voglio più parlare, invece, dello scorso anno. "Dobbiamo fare una corsa in più per il compagno, nulla di più". È una cosa che porto dietro da loro, mettere la Roma al primo posto. Quella di David ce l'ho a cuore, perché fa il mio ruolo e ho vissuto tutto questo. Lo stesso faccio io, mettendo sempre la Roma al primo posto. Cosa pensa di poter dare di diverso rispetto a Totti e De Rossi? I motivi possono essere le tante partite, lo stress, le sollecitazioni sui campi. Hanno speso dei soldi per rifare i terreni di gioco ed evidentemente anche la società pensava potesse essere un problema. Lo scorso anno gli infortuni sono stati troppi, da qualche parte si è sbagliato.

Come questo: