Pubblicato: Ven, Settembre 13, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Migranti, Conte: "Disponibilità a trovare accordo"

Migranti, Conte:

"La neo presidente Ursula von der Leyen riconosce all'Italia il portafoglio più forte che c'è - ha commentato il premier Conte nella replica per la fiducia in Senato - La polemica politica e le logomachie sono intense e vivaci, ma vi invito a considerare il commissario come colui che rappresenterà l'Italia intera".

Bruxelles, 11 set. (askanews) - Bruxelles riserva un'accoglienza speciale al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla sua prima visita in Europa da quando ha assunto la guida del governo giallo-rosso.

I contenuti che Giuseppe Conte ha messo sul tappeto degli incontri con i presidenti di Commissione e Consiglio europeo entranti ed uscenti: von der Leyen, Jean-Claude Juncker, Donald Tusk e Charles Michel, e con il leader dell'Eurocamera David Sassoli, paiono aver riscosso sostegno, a partire dalla questione degli sbarchi, che nel "dopo Salvini" è una questione tra le più delicate sul tavolo dell'alleanza M5S-Pd.

"Dobbiamo fare molto di più anche sui rimpatri con l'aiuto dell'Europa. - aggiunge - Come Italia non possiamo dirci soddisfatti del sistema dei rimpatri e anche su questo abbiamo la piena condivisione e la piena attenzione".

More news: Inter, il Manchester City pensa a Skriniar per gennaio: la situazione

Quattro gli obbiettivi che Von der Leyen aveva rilanciato in sede di discussione con il presidente del Consiglio nella recente visita in Italia, tutti basati sul progetto di guardare al futuro come un'Unione sempre più consolidata e meno legata agli interessi personali dei singoli paesi.

Il secondo obiettivo fa riferimento al superamento delle divisioni tra nord e sud Europa, la nuova Commissione Ue lavorerà infatti cambiare l'attuale situazione dell'Europa "a due velocità".

Sul fronte immigrazione il pressing di Conte è netto. Si parlava di un possibile spazio di deficit per 10-12 miliardi che farebbero lievitare l'indebitamento dall'1,6% tendenziale al 2,2-2,3%, ma il ministero dell'Economia ha subito smentito questa ipotesi, sostenendo che "qualsiasi cifra in questa fase non può trovare alcun riscontro" e che la manovra del 2020 cercherà "una solida prospettiva di crescita".

Nata a Viterbo nel 1992. Ha pubblicato in italiano, inglese e francese per il magazine Cafébabel. Per TPI si occupa delle sezioni News e Inchieste, sempre con una telecamera in mano.

Come questo: