Pubblicato: Gio, Settembre 05, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Lagarde, rischi per Eurozona nel breve termine - Europa

Lagarde, rischi per Eurozona nel breve termine - Europa

"Ero presidente (del Fmi, ndr) quando Draghi disse 'will do whatever it takes within our mandate, and I believe it will be enough' ", ha aggiunto l'avvocatessa francese, la cui nomina è stata una scelta di continuità con l'operato di Mario Draghi, in riferimento al quantitative easing: "Spero di non dover mai dire una cosa simile perché significherebbe che gli altri policymaker non stanno facendo quello che dovrebbero".

Nel segno di Mario Draghi.

More news: Lampedusa, 130 migranti arrivati in poche ore

Un autunno non semplice per la Lagarde che ha ribadito come ci sono "rischi di seria natura a causa delle tensioni commerciali e la Brexit". Molto, e a lungo. Promette quindi impegno, agilità ed inclusione, affermando che la condivisione dei rischi deve essere l'obiettivo finale dell'Eurozona. In questo senso Lagarde ha lodato la flessibilità e l'inventiva della politica monetaria della Bce negli scorsi anni. La quale, utilizzando strumenti non convenzionali è riuscita a sostenere l'economia dell'Eurozona. Si apre così il nuovo corso alla Banca centrale europea. "Ovvero che è necessario un ampio grado di accomodamento monetario per raggiungere il target" della stabilità dei prezzi, ha detto Lagarde. "Sono convinta", ha proseguito, "che ci servono sia regole di bilancio semplificate sia uno strumento di bilancio della zona euro come complemento". "Alcuni paesi nella zona euro possono usare spazio fiscale per migliorare la banda larga e le infrastrutture e usare la spesa pubblica per combattere la recessione", ha detto Lagarde. Ma soprattutto evitare di "affidarsi troppo alla politica monetaria" per sostenere la crescita.

Come questo: