Pubblicato: Mar, Settembre 03, 2019
Medicina | Di Gottardo Magnano

Lampedusa, 130 migranti arrivati in poche ore

Lampedusa, 130 migranti arrivati in poche ore

Alcune delle persone soccorse hanno smesso di bere e di mangiare.

Al quinto giorno dal salvataggio operato dalla nave Mare Jonio, bloccata fuori dalle acque territoriali di Lampedusa, "è sempre più dura" per i 31 migranti ancora a bordo, "anche se si resiste insieme". Il comandante Reisch ha avvertito le autorità di essere entrato in acque italiane annunciando che molte persone sono sul ponte "completamente bagnate" e molte altre soffrono il mal di mare. "Posso dichiarare concluso evento Sar del 28.08.2019" - ha scritto, su Twitter, Luca Casarini di Mediterranea Saving Humans dopo il trasbordo.

More news: Meteo, giovedì arriva il fresco: le previsioni della settimana

La situazione più allarmante psicologicamente e fisicamente sembra però arrivare dalla Mare Jonio, la nave della Mediterranea Saving Humans che era stata ribattezzata "la nave dei bambini" dato l'alto numero di minorenni presenti a bordo dopo il naufragio. "Ieri si è dovuta imbarcare e rimanere a bordo una psichiatra per dare tutta l'assistenza possibile". Intanto, peggiorano le condizioni climatiche.

La Guardia di Finanza procede al sequestro amministrativo della nave 'Eleonore' che è entrata senza autorizzazione in acque territoriali italiane. Nuovo sbarco autonomo sull'isola di Lampedusa dove pochi istanti fa sono arrivati, a cala Spugne, decine di maghrebini, soprattutto tunisini, a bordo di una imbarcazione in legno. Se qualcuno pensa di fregarsene - scrive Salvini in riferimento ai fatti della Eleonore - Senza conseguenze, ha sbagliato di grosso e ha sbagliato ministro: "faccio e farò di tutto per difendere l'Italia".

Come questo: