Pubblicato: Lun, Agosto 12, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Ocean Viking, terzo salvataggio in 3 giorni: "è emergenza, dateci un porto"

Ocean Viking, terzo salvataggio in 3 giorni:

"Il Governo italiano - al di là delle autonome determinazioni che verranno assunte dall'Autorità giudiziaria nei confronti degli autori della condotta posta in essere con la 'Ocean Viking' - ritiene doveroso richiamare l'attenzione del Governo norvegese sulle proprie responsabilità di Stato di bandiera". 85 persone - quasi la metà minori non accompagnati, la maggior parte dei quali tra i 13 e i 15 anni, dice Sos Med su Twitter. "Ora sono 251 le persone a bordo della Ocean Viking", è il messaggio diffuso in un tweet di Medici Senza Frontiere e da Sos Mediterranee su Facebook.

Di seguito è possibile avere l'ultima posizione sempre aggiornata della Ocean Viking.

More news: Salvini: "Governo Renzi-Di Maio inaccettabile, insulto a democrazia"

La nave Ocean Viking, delle due Ong Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere, ieri, 10 agosto, ha soccorso altri 80 migranti al largo della Libia, e due giorni fa, la stessa imbarcazione, ne aveva salvato 85 persone, rimanendo poi in zona di ricerca e soccorso. Inoltre, si aggiunge, "l'ingresso nelle acque territoriali italiane sarebbe considerato pregiudizievole al buon ordine della sicurezza dello Stato". Sono pronto a firmare il divieto di ingresso nelle acque italiane - diceva della Ocean Viking -. Il vicepremier leghista Matteo Salvini, già impegnato a gestire un altro caso, quello della nave Open Arms, ferma in mare vicino a Lampedusa con 121 persone a bordo, ha appena scritto una lettera in cui chiede il coinvolgimento della Norvegia, Stato di bandiera della nave. La comunicazione è indirizzata all'ambasciata norvegese.

"Abbiamo pattugliato il mare tutta la notte e lanciato i gommoni di soccorso per trovare l'imbarcazione in difficoltà, ma senza successo". Siamo riusciti a portarli tutti in salvo a bordo, ma se non li avessimo trovati stamattina poteva facilmente diventare l'ennesimo tragico naufragio. "Lavoriamo nel paese, conosciamo gli orrori da cui queste persone fuggono e sappiamo che la situazione è così disperata che l'unica alternativa che sentono di avere per sopravvivere è attraversare il Mediterraneo", dice Turner. Le autorità italiane e maltesi sono state informate per conoscenza e non risultano comunicazioni alle autorità competenti per il soccorso tunisine o norvegesi.

Come questo: