Pubblicato: Sab, Luglio 13, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Salvini: "Mai in delegazione con Savoini", ma spunta una foto

Salvini:

Ex portavoce di Salvini, Savoini è stato l'artefice nel 2014 del viaggio del leader del Carroccio in Crimea e a Mosca.

Riferendosi alla visita a Mosca, Salvini, nel corso di una conferenza stampa al Viminale dopo la sigla di un'intesa con i gestori di discoteche, aggiunge: "Posso produrre i documenti di tutti i passeggeri che hanno viaggiato con me". Un'ulteriore modifiche chiesta dal Movimento 5 Stelle ha fatto sì che venisse inserito un comma per impedire ad associazioni e fondazioni di passare quei finanziamenti ai partiti, ma, nota Lopapa, gli esperti della materia notano che è una precisazione inutile, visto che è di fatto impossibile verificare cosa fanno fondazioni e associazioni con il denaro ricevuto in donazione. "Chiedetelo a lui. Io faccio il ministro dell'Interno, preferisco occuparmi di cose serie, questa inchiesta è ridicola". "Non c'e' niente da commentare", ha affermato Peskov. Ho la coscienza a posto.

"Mai preso un rublo, un euro, un dollaro o un litro di vodka dalla Russia", commenta Salvini, annunciando querele. "Quando andiamo all'estero parliamo di politica e accordi commerciali per imprese italiane".

Con l'arrivo dei palinsesti estivi, molte trasmissioni di approfondimento giornalistico sono andate in ferie, in alcuni casi lasciando spazio alle loro "versioni" estive.

More news: Hong Kong: legge estradizione "è morta"

Con un tweet, pubblicato in queste ore, l'editorialista del WaPo ha rilanciato una sua analisi di qualche mese fa sulle mosse dei sostenitori del "Leave" al referendum britannico per uscire dall'Ue, legandolo al caso che in queste ore chiama in causa la Lega.

La registrazione risale al 18 ottobre 2018 all'Hotel Metropol di Mosca: Savoini parla con tre russi sia di strategie sovraniste anti-Ue che di affari legati al petrolio e, secondo BuzzFeed, cerca un accordo per far arrivare fino a 65 milioni di dollari alla Lega. Il vicepremier ha inoltre detto sì a una commissione d'inchiesta sui finanziamenti ai partiti, aprendo alla possibilità di un approfondimento sui fondi ricevuti dai partiti. "Il Senato non può essere essere il luogo del dibattito che riguarda pettegolezzi giornalistici", si era giustificata con una definizione eufemistica Casellati. "Abbiamo grandi responsabilità e vi chiarisco la ragione per cui Savoini era a una cena offerta da me". Tutto ciò ha come effetto una Supermedia più provvisoria del solito, ma che regala comunque delle sorprese: a cominciare dal nuovo record storico per la Lega, che tocca il 37,7% dei consensi, un livello mai raggiunto in precedenza dal partito di Matteo Salvini. "Ho fatto le verifiche".

La cena di Villa Madama del 4 luglio 2019.

Intanto, nei prossimi giorni, a quanto si apprende, verranno ascoltare in procura a Milano alcune persone nell'ambito dell'inchiesta. Insomma la sede del partito di Salvini e quella di Savoini coesistono a poche decine di centimetri una dall'altra: che cosa strana. Non per sminuire quelle che possono essere anche delle divergenze.

Come questo: