Pubblicato: Gio, Luglio 11, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Addio a Valentina Cortese, ci lascia una delle dive del cinema italiano

Addio a Valentina Cortese, ci lascia una delle dive del cinema italiano

"Con la scomparsa di Valentina Cortese lo spettacolo italiano perde l'ultima diva del cinema e del teatro" ha detto a caldo Carlo Fontana, presidente Agis (l'Associazione Generale Italiana dello Spettacolo). Con la morte di Valentina Cortese si chiude un'epoca del cinema e del teatro.

Nel 1948 fu messa sotto contratto dalla 20th Century Fox, e recitò in diverse produzioni statunitensi tra cui Malesia e La contessa scalza. Lei, sempre così attrice, sempre attenta a creare un'aura di fascino attorno a sé, un vero personaggio, era figlia di ragazza madre, aveva origini povere e contadine. Lavora con i più grandi: da Michelangelo Antonioni, che la vuole in Le amiche (1955) e che la porta a vincere il Nastro d'Argento come miglior attrice non protagonista, a Federico Fellini, che la dirige in Giulietta degli spiriti al fianco di Giulietta Masina e Sandra Milo.

More news: Putin a Roma: incontri con Papa Francesco, Conte e Mattarella

Il suo rimpianto? Quello di avere dovuto rinunciare, a causa della gravidanza, alla proposta giunta direttamente da Charlie Chaplin per il ruolo di protagonista femminile nel suo film Luci della ribalta, poi assegnato a Claire Bloom. Collaborò a lungo con Giorgio Strehler al "Piccolo" di Milano, con lui ha avuto anche una relazione sentimentale molto importante. Non si è mai risposata dopo il divorzio da Richard Basehart, con il quale ha avuto un figlio, l'attore Jackie Basehart, morto a Milano nel 2015. Ma il cinema continua a darle soddisfazioni e perfino una nomination all'Oscar per "Effetto notte", capolavoro di Francois Truffaut. Nella sua lunga carriera ha lavorato nel cinema dagli anni Quaranta e a teatro con Strehler. A Maurizio Costanzo e al suo storico talk show il merito di averla fatta conoscere in tutta la sua ironia e intelligenza al grande pubblico televisivo.

Come questo: