Pubblicato: Dom, Luglio 07, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Putin a Roma: incontri con Papa Francesco, Conte e Mattarella

Putin a Roma: incontri con Papa Francesco, Conte e Mattarella

"Speriamo che senza interferenze esterne si instauri il percorso del dialogo e vengano elaborate decisioni accettabili per tutte le forze politiche in campo, affinché si arrivi ad una normalizzazione della situazione", ha concluso Vladimir Putin. Il comunicato ufficiale diffuso dalla Sala Stampa vaticana ha riferito che da ambo le parti vi è stata "soddisfazione" per i "cordiali colloqui".

L'incontro fra papa Francesco e il presidente Putin.

Per quanto la visita sia breve e non preveda pernottamenti, è stato prenotato anche un hotel, il St Regis, come base per lo staff. Qui, all'interno di una zona sorvegliatissima, se avrà tempo, potrebbe riposare anche lo stesso Putin. Si tratterebbe della prima visita nella storia di un Pontefice cattolico in Russia. Lo fanno sapere fonti del Quirinale al termine del colloquio tra il presidente Sergio Mattarella e il presidente Vladimir Putin. I due presidenti hanno registrato ottimi rapporti bilaterali tra i due Paesi, nonostante il raffreddamento dei rapporti tra Unione Europea e Russia di questi ultimi anni, per via della crisi ucraina.

More news: Sea Watch, la GDF accusa Carola Rackete

Con il presidente Putin "abbiamo parlato in particolare della Libia e condiviso il convincimento che l'equilibrio instabile possa innescare una escalation che avrebbe ripercussioni sulla sicurezza delle infrastrutture energetiche", dice Conte davanti ai giornalisti schierati nel cortile d'onore. Il premier ha aggiunto che "siamo convinti che occorra un processo politico inclusivo, sostenuto dalla comunità internazionale tutta unita" per arrivare alla "cessazione immediata delle ostilità" e al "raggiungimento di una stabilizzazione duratura della Libia". "In un momento delicato per l'economia globale, il nostro sostegno alle relazioni economiche tra Italia e Russia corrisponde a reciproco interesse dei nostri Paesi". Basti pensare che neanche il periodo sovietico e la Guerra Fredda vissuta guardandosi reciprocamente dai blocchi contrapposti hanno impedito alle relazioni bilaterali di mantenersi salde.

Menù di pesce e tavoli dedicati all'arte italiana alla cena italo-russa a Villa Madama. E con il presidente Putin "si e' convenuto sul punto che l'opzione militare non porta da nessuna parte, genera violenza, instabilita' e prelude a crisi umanitarie di difficile gestione".

"Il colloquio, che ha avuto carattere strettamente privato e confidenziale, è stato l'occasione per ribadire i rapporti di stima, amicizia e cordialità personale fra i due leader, e l'importanza fondamentale del rapporto fra Russia e Italia e fra Russia ed Europa". Atterrato intorno alle 12.50 all'aeroporto di Fiumicino, e accolto dall'ambasciatore d'Italia nella Federazione Russa, Pasquale Terracciano, dal capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica, Inigo Lambertini, l'amministratore delegato di Adr, Ugo de Carolis, e una delegazione della Santa Sede, Putin ha un'agenda fitta di impegni.

Come questo: