Pubblicato: Mar, Luglio 02, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

UE, la procedura d’infrazione italiana potrebbe avviarsi questa settimana

UE, la procedura d’infrazione italiana potrebbe avviarsi questa settimana

"Credo il governo stia presentando ciò alla Commissione Ue per dimostrare che i conti saranno in ordine, le indicazioni sono rassicuranti e non vi sia motivo per aprire una nuova infrazione", ha infine aggiunto Mattarella. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, la discussione sull'Italia sarebbe stata posticipata a mercoledì. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine del colloquio con il presidente austriaco Van der Bellen.

Bocche cucite, invece, da parte del ministro dell'Economia, Giovanni Tria, sulle mosse sul fronte dei conti pubblici, e in particolare sul confronto all'interno del governo e con Bruxelles sul rischio di una procedura. Il capo dello Stato sottolinea che quella italiana è un'economia "con una base di grande solidità: non a caso il nostro Paese rappresenta la terza economia dell'Unione ed è la seconda manifattura d'Europa".

More news: Mercato Inter, accordo trovato con l’Hertha Berlino: Lazaro è in arrivo

Il governo riduce il deficit 2019 di 7,6 miliardi e vara un decreto con misure urgenti che 'congela' 1,5 miliardi di euro di risparmi del reddito di cittadinanza e quota 100 per destinarli al "miglioramento dei saldi di finanza pubblica". Lunedì primo luglio è convocato un Consiglio dei ministri alle 18 per il via libera alla legge sull'assestamento di bilancio e al piano messo a punto dal Tesoro per evitare la procedura di infrazione alla vigilia della riunione della commissione Ue a Strasburgo che deciderà se proporre o meno il cartellino rosso per l'Italia. Non mi fate commentare singole valutazioni di singoli commissari: ora il percorso è molto chiaro, parliamo con atti, oggi deliberiamo l'assestamento e la rendicontazione.

"Il governo italiano deve pensarci tre volte prima di deludere le aspettative dell'Ue", ha chiosato il commissario con un tono decisamente minatorio. "Bisogna vedere se, in questi giorni, gli italiani verranno incontro alle richieste della Commissione sul bilancio del 2020 sia per quanto riguarda le entrate che per quanto riguarda le spese - ha avvertito -".

Come questo: