Pubblicato: Dom, Giugno 23, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Tasse, 5 Stelle contro Salvini: "Cerca scuse per la crisi di governo?"

Tasse, 5 Stelle contro Salvini:

"Se non me la dovessero far fare, io saluto e me ne vado".

Il Corriere della Sera va più a fondo e, attraverso un retroscena di Francesco Verderami, porta a galla una voce dal sen fuggita: "Tra una settimana si capirà tutto", diceva ieri il sottosegretario Giancarlo Giorgetti ai leghisti che gli chiedevano se Salvini aprirà la crisi.

E così Zaia si è affrettato a replicare a Di Maio ricordandogli che "Un Piano per il Sud esiste già" e che non "c'è nessuna visione ostracista nei confronti del meridione, nessuna volontà di disegnare un paese di serie A e uno di serie B, ma solo di applicare la Costituzione". "E a quel punto potrebbe considerare suo malgrado inutile proseguire l'esperienza gialloverde a Palazzo Chigi, chiamando alle urne gli italiani".

Il quotidiano di via Solferino scrive ancora che "sembrerebbe l'organizzazione di un delitto perfetto, se non fosse che la flat tax - più di un progetto di governo - era parsa subito un manifesto elettorale".

More news: Teleborsa. economia. Trump apre la campagna elettorale: "Il sogno americano è tornato".

Governo: Di Maio, Salvini? Noi questo facciamo: "lavoriamo. Altri... va be'". Il punto più grave, semmai, "l'altro percolo che il Carroccio vorrebbe evitare" è "che sia questo Parlamento ad eleggere il prossimo presidente della Repubblica". Arzigogolii? Libero parla di "tregua finita" così "Gigino e Matteo tornano a litigare su tasse e Ilva".

Naturalmente i territori continuano a premere sull'acceleratore, come ha fatto il nuovo governatore del Piemonte, l'azzurro Alberto Cirio, il quale ha tenuto a dire: "siamo pronti a recuperare il tempo perso finora". Da una parte ci sono i leghisti che temono di perdere l'onda favorevole del voto europeo, che vorrebbero poter continuare a sfruttare; dall'altra ci sono i 5 Stelle che sono ancora sotto schiaffo e pancia a terra per il dimezzamento dei consensi.

"Il fatto che io oggi sia qui, al lavoro, è la migliore risposta ai chiacchieroni come Di Battista". "E per provare a tirarsi su prima che qualcuno dichiari il knock-out". Conte, a Bruxelles, si mostra meno pacato del solito. "Salvini è accusato di violare l'accordo di tenere bassi i toni". Prima il reportage del Messaggero, con il direttore del quotidiano romano, Virman Cusenza, che l'ha definita incapace, poi la vicepresidente della Camera, Mara Carfagna che ha annunciato l'intenzione di voler chiedere un consiglio dei ministri speciale sulla situazione dell'immondizia a Roma e infine Matteo Salvini, che ha annunciato la presentazione di un programma di governo per Roma. O, meglio, alle giustificazioni di fronte agli elettori che lo seguiranno.

Come questo: