Pubblicato: Dom, Giugno 23, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Lampedusa, tre gommoni al largo e nessuno interviene

Lampedusa, tre gommoni al largo e nessuno interviene

Tre gommoni con a bordo un centinaio di migranti sono stati abbandonati a 25 miglia dalle coste di Lampedusa.

Sea Watch ancora a largo di Lampedusa. Sono partite anche ricerche sull'isola. Un metodo collaudato, quello della nave madre, che gli scafisti libici e tunisini stanno utilizzando sempre più di frequente per portare piccole imbarcazioni con gruppi di migranti a poche miglia dalle acque italiane e facilitarne l'ingresso.

More news: Calciomercato Juventus: sul piatto l'offerta per Rabiot, cifre e dettagli

E non è tutto, perchè dal confine italo-sloveno sono arrivati a Trieste altri cento migranti. Adesso spunta in solito prete buono e umanitario: "La notte è passata e siamo all'ottavo giorno di stallo: la Sea Watch 3 è ancora bloccata in acque internazionali, con a bordo salvati e salvatori". "Si tratta di una condotta la cui gravità è resa palese dalla ferrea determinazione con la quale la nave, - prosegue - rifiutando il Pos indicato dalle competenti Autorità libiche, ha deciso, malgrado il luogo ove era avvenuto l'evento, di far rotta verso l'Italia e di considerare il centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo Italiano responsabile per l'individuazione del porto di sbarco, in sfregio al riparto delle competenze e alla normativa in materia". E' necessaria, dice Salvini, una "nuova energica iniziativa di sensibilizzazione" nei confronti dei Paesi Bassi, visto che la nave batte bandiera olandese.

Ma mentre l'Unhcr e l'Oim lanciano un appello affinché "qualcuno apra i porti a queste persone", il ministro dell'Interno e vice premier, Matteo Salvini, in diretta Facebook, ribadisce il "no": "Un saluto all'equipaggio della 'Sea Watch' che delle leggi se ne frega ma in Italia non si arriva". I dati operativi sono stati diffusi in occasione del 245° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza.

Come questo: