Pubblicato: Mar, Mag 28, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Balotelli, Italia più vicina? Il suo messaggio al Marsiglia

Balotelli, Italia più vicina? Il suo messaggio al Marsiglia

L'avventura di Mario Balotelli al Marsiglia potrebbe già essere arrivata al capolinea: l'ex attaccante dell'Inter, sbarcato alla corte di Garcia a fine gennaio e autore di ben 8 gol, non ha ancora rinnovato il suo contratto (in scadenza il 30 giugno), e il suo futuro rimane ancora da definire. Se vado allo stadio con mio figlio e il mio vicino si lascia andare a questo genere di insulti, personalmente gli tiro le orecchie.

More news: EUROPEE 2019 Italiani al voto, seggi aperti fino alle 23

Mario Balotelli si ritrova quindi a rispondere all'interrogativo: "Se fossi bianco saresti ancra in nazionale? Poi ci sono state altre cose, non so se dipenda dal mio carattere un po' forte o perché è più comodo non chiamarmi o per il razzismo". Ma quelli che mi criticano perché non difendo abbastanza sono stupidi perché sanno che non sono un Tevez o un Cavani che pressa tutti. "Pazzo forse lo sono in campo, perché voglio vincere e sono istintivo, ma fuori sono un tipo tranquillo, e non uno stupido - ha continuato -". Comunque all'OM è stata una stagione positiva e non escludo di restare, anche se non ho ancora parlato coi dirigenti. L'immagine del pazzo me l'hanno etichettata i giornalisti inglesi. Non ho mai preso a freccette nessuno. "Mi piacerebbe, un giorno, ma non credo l'anno prossimo". E' vero, ho avuto un maiale in casa, ma solo perché chi me lo diede mi disse che sarebbe stato un animale nano. "Me l'avevano regalato spacciandolo per un maiale nano che poi è cresciuto e così l'ho dato via". Uscire dal campo si può, ma non mi alleno tutta una settimana per poi uscire dal campo per uno scemo. "È più facile individuare lo scemo e mandare via lui".

Come questo: