Pubblicato: Gio, Mag 23, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Brexit, May chiederà a parlamentari di votare su secondo referendum

Brexit, May chiederà a parlamentari di votare su secondo referendum

Il Parlamento potrebbe così votare sulla possibilità di sottoporre l'accordo sulla Brexit al referendum. "Non credo più che il nostro approccio porterà dei risultati - ha scritto in una lettera alla premier Theresa May - E' con grande rammarico e con il cuore pesante che ho deciso di dimettermi dal governo". May ha replicato dicendo che Corbyn "non vuole un compromesso", ma una resa "al suo piano", auspicando comunque un sostegno trasversale alla proposta del governo. Le alternative resterebbero l'annullamento di Brexit o un "no deal".

Brexit, ha insistito la premier, rappresenta "una grande opportunità" per la Gran Bretagna di uscire dalla Ue, di non essere più costretta a un'integrazione sempre più stretta con gli altri 27 Paesi e di avere quindi la "libertà di fare le cose diversamente". Il leader Tory è contrario ad un secondo referendum sulla Brexit ma apre alla possibilità della Camera dei Comuni di votare su un emendamento che lo richieda. Un meeting del Comitato 1922, sancta sanctorum del gruppo parlamentare conservatore, è prevista per stasera su richiesta di alcuni deputati che vorrebbero cambiare le regole interne per ripresentare una mozione di sfiducia contro la sua leadership di partito. May, ha aggiunto, secondo i programmi incontrerà il presidente del 1922 Comittee, per definire i passaggi che porteranno al previsto avvicendamento ai vertici del partito. Mentre nelle opposizioni la freddezza, sintetizzata dal secco no a tamburo battente di Corbyn, sembra nutrirsi della sensazione d'avere a che fare con un'anatra sempre più zoppa a Downing Street. Altrettanto negativo è il giudizio dell'ultraconservatore Jacob Rees Mogg.

More news: Francia: caso Lambert, cominciata procedura per interrompere alimentazione e idratazione

E proprio con l'obiettivo di guadagnarsi un consenso crescente, il Primo Ministro ha concesso la possibilità di mettere ai voti l'ipotesi di un secondo referendum sulla Brexit, pur non nascondendo la sua contrarietà nei confronti di questa opzione.

Come questo: