Pubblicato: Gio, Mag 16, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

F1, Gp Spagna, Binotto: non è decisivo qui

F1, Gp Spagna, Binotto: non è decisivo qui

Scelta volontaria, come ha confermato Mattia Binotto, che continua dal canto suo a ricevere appoggio incondizionato della dirigenza.

Il campionato 2019 doveva essere quello dell'assalto deciso al titolo della Formula 1, ma per la Ferrari si sta trasformando in un mezzo incubo.

La scuderia di Maranello ha assistito alla quinta doppietta Mercedes consecutiva in altrettante gare stagionali, senza poter opporre alcuna resistenza. Altra batosta rifilata dalla Mercedes alla scuderia di Maranello, battuta anche dalla Red Bull di Max Verstappen. Non ci siamo illusi in quel momento.

Nella sua gloriosa storia Il cavallino rampante vanta di 15 titoli piloti e 16 costruttori, quindi, se vogliamo continuare la nostra tradizione e gioire ancora davanti alla tv, bisognera' cambiare qualcosa.Forza Ferrari! L'impegno non manca, però non è stata ancora imboccata la strada giusta.

More news: Di Maio attacca la Lega sul conflitto di interessi

Al quinto gran premio della stagione il bottino accumulato in casa Mercedes si fa sempre più ghiotto. Nello specifico della gara, Ferrari ha lasciato che nel primo stint Charles Leclerc prendesse un po' di margine su Sebastian Vettel, rispondendo solo dopo diversi giri della forte necessità che aveva il tedesco di rientrare ai box per delle forti vibrazioni agli pneumatici. Un quarto posto in Australia, quinto in Bahrain, podio in Cina e Azerbaijan e quinto posto in Spagna.

Sebastian Vettel: "Oggi abbiamo più o meno ottenuto il massimo che si poteva". Infine sul confronto con Mercedes: "Peccato venire qua e constatare che loro sono più forti di noi ma non molleremo e guardiamo avanti con fiducia". La realtà dice tutt'altro. Il buon Lewis ha dovuto ammettere che la W10 è meglio della SF90, finora definita il top del lotto. Ma non dobbiamo essere preoccupati, piuttosto deve rappresentare uno stimolo in più. Avevamo degli aggiornamenti che hanno funzionato bene, ma non sono stati sufficienti. Perdevamo molto nel terzo settore, in generale, in tutte le curve lente, con molto sottosterzo.

Dobbiamo analizzare tutto, non abbiamo ancora una risposta precisa sul problema. Era già qualche settimana che avevamo deciso di anticipare lo sviluppo e per come si è messa la stagione è doveroso cercare di recuperare e metterci nelle condizioni di avere una macchina più forte possibile - sono state le sue parole ai microfoni di Sky Sport -. "Ora ci aspettano 2 giorni di test a Barcellona, che saranno importanti per esplorare i limiti della vettura". Cosa non funziona sulla monoposto?

Come questo: