Pubblicato: Lun, Mag 13, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Ricchezza famiglie italiane supera quella delle famiglie tedesche

Ricchezza famiglie italiane supera quella delle famiglie tedesche

La Banca d'Italia e l'Istat presentano sui rispettivi siti web la prima pubblicazione congiunta, a frequenza annuale, sulla ricchezza delle famiglie e delle società non finanziarie italiane.

Torna a crescere la ricchezza delle famiglie italiane: ammonta a 9.743 miliardi, 8,4 volte il loro reddito disponibile.

More news: Meteo, che tempo farà in Umbria: le previsioni per il fine settimana

Nel corso del 2017 le abitazioni hanno costituito la principale forma di investimento delle famiglie e, con un valore di 5.246 miliardi di euro, hanno rappresentato la metà della ricchezza lorda. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Il totale delle passività, delle famiglie, è stato pari a 926 miliardi di euro (ammontare inferiore rispetto agli altri paesi europei). Il totale delle attività del settore ammontava a 4.943 miliardi di euro di cui il 63% costituito da attività non finanziarie. La crescita dell'1% registrata nel 2017 dalla ricchezza complessiva si deve proprio alle attività finanziarie, che sono cresciute di 156 miliardi (+3,7%) ed hanno più che compensato la riduzione del valore delle abitazioni (45 miliardi, -0,7%) e l'aumento delle passività finanziarie (+13 miliardi, + 1,4%).

Dallo studio emerge che gli italiani si confermano poco indebitati rispetto ad altri paesi e ancora i più ricchi in Europa termini di rapporto tra ricchezza e reddito, circa 8, "anche se nel periodo il divario si è notevolmente ridotto". La tendenza alla discesa dei prezzi sul mercato immobiliare residenziale, in atto dal 2012, ha determinato una riduzione del valore medio delle abitazioni e la conseguente contrazione del valore della ricchezza abitativa. Stanno però guadagnando terreno le attività finanziarie (depositi, titoli, azioni). Negli ultimi anni l'indicatore è gradualmente sceso dal picco raggiunto nel 2013, con un andamento opposto a quello osservato per gli altri paesi. Se misurata in rapporto alla popolazione, in Italia la ricchezza netta familiare è risultata superiore agli altri paesi nel 2008 e nel 2009, mentre negli altri paesi è aumentata. Perdono valore soprattutto gli immobili delle imprese (-2,7% nel 2017), mentre cresce il valore degli altri beni di capitale fisso, come i macchinari (+2%).

Come questo: