Pubblicato: Mer, Aprile 17, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Notre Dame: parte la ricostruzione, donazioni record


Si aggiungono a questi 50 milioni stanziati dal comune di Parigi, 10 milioni di euro predisposti dall'Ile de France, la regione di Parigi, la creazione della pagina di raccolta fondi della French Heritage Society, organizzazione newyorkese volta alla conservazione dei beni artistici e culturali francesi e le oltre 50 pagine create sul sito di crowdfunding Go Fund Me per la ricostruzione della cattedrale. In primis il magnate fracese François-Henri Pinault, marito dell'attrice Salma Hayek, che ha annunciato la volontà di donare $113 million per contribuire al processo di ricostruzione della cattedrale di Notre Dame. "Di fronte a una tragedia di tale portata, ognuno desidera ridare vita il più presto possibile a questo gioiello del nostro patrimonio", ha dichiarato in un comunicato Pinault, presidente e ceo di Kering, il gruppo cui fanno capo brand del luxury come Gucci, Saint Laurent e Balenciaga. L'investimento della famiglia Pinault avrà la finalità di "partecipare allo sforzo che sarà necessario al completamento della ricostruzione di Notre Dame". E a ruota è arrivato l'annuncio della famiglia Arnault, proprietaria del gruppo del lusso LVMH (che include oltre 70 marchi tra cui Christian Dior, Bulgari, Guerlain e Louis Vuitton) che donerà 200 milioni di euro.

More news: Incendio alla cattedrale di Notre Dame

Intanto il sindaco della città Anne Hidalgo ha proposto "una conferenza internazionale di donatori": un'occasione di confronto tra esperti e finanziatori. "La ricostruiremo" ha affermato Macron "da martedì lanceremo una raccolta fondi anche Oltralpe". Secondo Michel Picaud, presidente dell'associazione "Friends of Notre-Dame de Paris, il progetto di restauro della cattedrale costerà 150 milioni di euro".

Come questo: