Pubblicato: Ven, Aprile 12, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Fabrzio Moro e i Figli di Nessuno


Abbiamo incontrato Fabrizio Moro a pochi giorni dal lancio di Figli di Nessuno (esce venerdì 12 aprile per Sony Music Italy) e gli abbiamo chiesto di commentare alcune frasi del suo nuovo disco che abbiamo selezionato per l'occasione. In questo nuovo album c'è una grande ricerca sonora: "Siamo rimasti otto mesi alla mercé delle sonorità - conclude Moro - Mi accorgo che questo disco suona bene ovunque lo si senta". "Nonostante io sia riuscito a fare quello che volevo fare".

More news: UEFA, nuovo deferimento per il Milan: il comunicato

Il disco arriva a due anni di distanza da "Pace" e contiene undici tracce in cui Fabrizio Moro non abbandona il linguaggio schietto, diretto e senza filtri che lo contraddistingue, unito all'idea di riscatto e autodeterminazione.L'inconfondibile timbro di Fabrizio ancora una volta torna a far emozionare e riflettere, grazie alla capacità di parlare alle persone colpendo non solo il cuore, ma anche la mente. "L'Italia mi appare come una donna che dà tante delusioni ma che alla fine mi fa tanta tenerezza", dice. La fede, aggiunge, "mi ha sempre salvato". E tutto questo sarà sicuramente al centro dei quattro appuntamenti dal vivo nei palasport del prossimo ottobre (qui le informazioni). Il 12 ad Acireale (Catania), il 18 e 19 a Roma, il 26 a Milano.

Come questo: