Pubblicato: Ven, Aprile 12, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Coldiretti, allarme dazi Usa su vino Made in Italy

Coldiretti, allarme dazi Usa su vino Made in Italy

Il presidente americano, infatti, non avrebbe gradito gli aiuti europei all'Airbus a discapito della Boeing, in crisi a causa dei recenti incidenti.

Ad annunciare le misure è stato il rappresentante commerciale degli Usa, Robert Lighthizer, il cui ufficio ha stilato un lungo elenco di beni prodotti nell'Ue ed acquistati negli Usa che vanno da elicotteri, aerei, componenti ai prodotti dell'agroalimentare, compresi il pecorino, il prosecco e l'olio d'oliva. Tuttavia quei negoziati non sono ufficialmente iniziati e le trattative preliminari non hanno fatto molti progressi. Gli Stati Uniti si sono sempre lamentati della riluttanza dell'Unione europea a includere l'agricoltura nei colloqui.

La Commissione europea giudica "ampiamente esagerato" il livello delle contromisure minacciate da Washington in risposta all sovvenzioni accordate alla Airbus. A dirlo peraltro è un sostenitore del governo sovranista all'italiana - il deputato sardo del Movimento 5 stelle, Pino Cabras, a commento dell'ipotesi avanzata dalla Casa Bianca di imporre pesanti dazi a prodotti e merci dell'Unione Europea, tra cui il Pecorino Romano, prodotto di punta dell'export sardo proprio negli Usa. "Non ci resta che sperare che si tratti solo di un avvertimento Usa preventivo - conclude Scordamaglia - e la vicinanza fra l'annuncio di Trump e la stipula degli accordi Cina-Ue lo lascerebbe intendere".

More news: Serie A, il Genoa in 10 strappa un punto a Napoli

Le esportazioni negli Stati Uniti sono senza alcun dubbio il principale mercato del vino made in Italy. Nel 2018, dai dati che riusciamo a recuperare da Clal.it, ne abbiamo esportato 9.180 tonnellate (15.414 nel 2017) per un valore di 64.721.000 euro (91.189.000 nel 2017). I nuovi dazi di Trump, secondo un'analisi della Coldiretti, colpirebbero in particolar modo gli spumanti italiani e il Prosecco. E ancora: gli agrumi, l'uva, le marmellate, i succhi di frutta e l'acqua.

Nel mirino del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è finita circa la metà (50%) degli alimentari e delle bevande Made in Italy esportate in Usa dove nel 2018 si è registrato il record per un valore di 4,2 miliardi (+2%).

"Siamo fortemente preoccupati - ha commentato Coldiretti Toscana - perché se non si evitano queste guerre sui dazi si aprono scenari inediti e preoccupanti che rischiano di determinare un pericoloso effetto valanga sull'economia e sulle imprese".

Come questo: