Pubblicato: Mar, Aprile 09, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

TMW - Parla Rizzoli: "No agli 'stop' degli arbitri. Fabbri migliorerà col tempo"

TMW - Parla Rizzoli:

Domani mattina, infatti, il designatore arbitrale, Nicola Rizzoli, si recherà in Lega a Milano e incontrerà i rappresentanti delle varie squadre. "E' una questione di gestione della squadra da parte dell'allenatore". Sotto la lente di ingrandimento alcune partite in particolare, come quella di Torino tra Juventus e Milan arbitrata da un deludente Fabbri o la sfida tra Lazio e Sassuolo arbitrata da Abisso. "L'obiettivo di oggi è un confronto per far capire che non c'è confusione. Serve più professionalità, degli uomini e della tecnologia, per ridurre gli errori". L'arbitraggio di Michael Fabbri ha lasciato scontenti un po' tutti, ma soprattutto non è andato giù ai rossoneri, che nell'arco dei 90 minuti hanno invocato due calci di rigore - il primo dei quali netto, come ampiamente spiegato da moviolisti differenti - con i quali si sarebbero portati a casa almeno un punto. In questo caso conta meno che la sfera tocchi un'altra parte del corpo prima. Di seguito le sue parole riportate da TMW: "Le persone che mettiamo in campo devono essere in forma e noi dobbiamo gestirli". Sono situazioni che devono essere valutate in campo, se non viene valutata fallosa il VAR non può intervenire. Invece, al momento, la scelta di Fabbri conferma l'idea che nell'Aia si "devono" promuovere arbitri (a fronte di quelli che finiscono la carriera) per non perdere i posti che la Fifa concede all'Italia. Abbiamo parlato della linea di intervento, come sono classificati, che sono le stesse riunioni che facciamo con i nostri arbitri condivise da Uefa e Fifa.

More news: Nuoto, arriva dalla Svizzera una speranza per Bortuzzo

L'episodio Mandzukic-Romagnoli al vaglio della prova tv? Se fosse stata reputata come violenza, sarebbe intervenuto e sarebbe stato dato il rosso a Mandzukic e rigore al Milan. Ci sono anche il presidente Figc Gravina, i dirigenti Marotta e Campedelli più Tommasi e i vertici Aic.

Come questo: