Pubblicato: Mar, Aprile 09, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Salvini all’attacco di Tria: "Metta la flat tax nel Def"

Salvini all’attacco di Tria:

Lo dice, in un colloquio con il Corriere della sera, il ministro dell'Economia Giovanni Tria, dopo gli attacchi del M5s. Su tutti i tre i fronti si registrano nuovi sviluppi, ma in assenza di soluzioni definitive, gli investitori temporeggiano e le Borse europee oscillano tra l'andamento piatto e negativo, mentre a Wall Street ferve l'attesa per le trimestrali di alcuni giganti, Blackrock, Jp Morgan e WellsFargo, previste nei prossimi giorni.

Ma il nodo degli sgravi nel Def non è l'unica incombenza che grava su Tria.

Fa da mediatore come di consueto il premier Giuseppe Conte: "La flat tax è nel nostro programma di governo".

More news: M5S contro, Lega a favore: il governo diviso sulla castrazione chimica

GLI ALTRI NODI - Restano le criticità sul dl Crescita, approvato salvo-intese giovedì scorso, e sul caso dei rimborsi, domani al centro di un incontro tra le associazioni interessate, il premier Giuseppe Conte, Tria e probabilmente il ministro per lo Sviluppo economico Luigi Di Maio.

"Comparirà nella riforma che verrà disegnata con la legge di bilancio". Un'aliquota Irpef unica al 15% per i redditi familiari fino a 50mila euro e deduzioni fisse per garantire la progressività dell' imposta, come nei progetti del Carroccio, costerebbe 12-15 miliardi. Si rischia insomma un Def che, più del solito, si rivelerà alla prova dei fatti un libro dei sogni. Un passo delicato che aumenterebbe la pressione fiscale, farebbe alzare l'inflazione e graverebbe sulle fasce più povere. L'esecutivo prenderà atto che l'economia italiana è in recessione, ma il segno meno davanti al Pil sarà evitato perché il governo attribuisce al "reddito di cittadinanza", a "quota 100" sulle pensioni e ai decreti "sblocca cantieri" e "crescita" una spinta che consentirà all'economia di crescere di qualche decimale di punto. Inoltre il Tesoro vuole evitare di indispettire la Commissione Ue in una fase di tregua elettorale per le elezioni europee del 26 maggio. L'idea nelle nostre politiche è di guardare anche all'equità.

Come questo: