Pubblicato: Mar, Aprile 09, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Nirvana: oggi 5 aprile l’anniversario della morte Kurt Cobain

Nirvana: oggi 5 aprile l’anniversario della morte Kurt Cobain

"Nel 1989 viene realizzato ''Bleach", seguito, dopo il cambio di casa discografica nel '91 e l'arrivo permanente di Dave Grohl alla batteria, da "Nevermind", caposaldo del genere grunge, e poi da "In Utero". Usando il "brain imaging" (una tecnica usata per registrare immagini che si ipotizza rappresentino fedelmente le variazioni dell'attività neurale regionale ), alcuni scienziati hanno scoperto che il Ritalin (preso da migliaia di bambini inglesi e da quattro milioni di bambini negli Stati Uniti), satura quei neurotrasmettitori che sono responsabili dell'"euforia" sperimentata dai consumatori di droga più che la cocaina inalata o iniettata. Tra gli episodi inediti uno in particolare che risale al 1991, quando Kurt rifiutò categoricamente e anche in modo piuttosto brusco di incontrare il leader dei Guns N' Roses, Axl Rose. Kurt Cobain è, ed è stato, un'icona suo malgrado. Da Come As You Are a The Man Who Sold the World, tutti i brani sono arricchiti dall'intensa interpretazione di Kurt Cobain, che sul palco di MTV Unplugged ha realizzato una delle sue migliori e celebri esibizioni.

"Prima suonare era un'avventura, adesso e' un circo che mi annoia". Sono gli anni in cui la musica punk rock allontana definitivamente a ritmo di danza gli anni della contestazione giovanile (esplosa in tutto il mondo occidentale); ma sono anche gli anni in cui con la musica si esprime disperazione, rabbia, mancanza di artificio. Tuttavia penso che Norwegian Wood sia un po' sessista. Una nuova forma di protesta che non passa più dalle piazze, ma si esprime attraverso i suoni. E il frontman dei Nirvana era un po' così.

La verità, però, è che pochi hanno capito gli abissi che si potevano spalancare in quell'anima dilacerata, pochi sono riusciti a capire il vero motivo del suo suicidio.

More news: Ancelotti: "Squadra disattenta, sconfitta meritata"

Cobain lasciò la moglie Courtney Love, con la quale formava una delle coppie più trasgressive dello showbiz, e la figlia Frances Bean, oggi quasi 27enne e all'epoca del suicidio di soli due anni.

Il 23 febbraio fece la sua ultima apparizione televisiva, insieme ai Nirvana, negli studi di Rai 3, nel programma Tunnel, condotto da Serena Dandini, cantando Serve the Servants e Dumb. Qui, dopo un giorno in coma farmacologico, si riprende.

Tre giorni dopo quello che sarebbe stato il suo ultimo concerto a Monaco di Baviera, Kurt era a Roma per staccare la spina e fare una breve vacanza.

Come questo: