Pubblicato: Lun, Aprile 08, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Salvini-Le Pen, manifestazione insieme in vista delle Europee

Salvini-Le Pen, manifestazione insieme in vista delle Europee

Quanto a Orbán, secondo il giornale ungherese Népszava, citando due fonti del partito Fidesz del leader ungherese, il primo ministro non avrebbe accettato l'invito all'incontro. E mentre mette a punto una sorta di road map per stringere alleanze con i sovranisti europei e il gruppo di Visegrad, arrivano le prime defezioni eccellenti.

Si tratta della seconda defezione eccellente della kermesse dopo quella di Marine Le Pen, che non sarà a Milano, ma non per un distacco politico dall'iniziativa. Al momento, appare certa solo la presenza dell'eurodeputato Joerg Meuthen, portavoce federale del partito di destra radicale della Germania, Alternative fur Deutshland. Un dibattito che in Italia coinvolge l'eterno confronto interno al centrodestra, tra Lega e Forza Italia. Non possiamo lasciare il destino dell'europarlamento nelle mani degli attuali gruppi, quello socialista e quello dei partiti popolari uniti nel Ppe.

Ha spiegato infatti Salvini: "Le varie delegazioni del gruppo 'Europa delle Nazioni e delle Libertà' al Parlamento europeo, che comprende il Rassemblement national, la Lega e altri, hanno dato a Matteo Salvini il compito di rappresentarle alla conferenza di Milano, dove ci saranno forze danesi e finlandesi che non sono ancora nel gruppo Enl". "Lunedì abbiamo una riunione scelta a quattro, con quattro movimenti di quattro famiglie politiche diverse, e a maggio illustreremo la nostra Europa" ha detto Salvini.

More news: Riappare il piccolo Timmothy scomparso 7 anni fa in Illinois

L'iniziativa di Salvini non è piaciuta neanche a Fratelli d'Italia, che con la sua leader, Giorgia Meloni, ha risposto: "I veri sovranisti siamo noi, loro sono populisti". "È stato un incontro cordiale", ha dichiarato Salvini a margine della conferenza stampa di questa mattina con gli altri ministri dell'Interno del G7. "Sono state affrontate le tematiche di campagna e in particolare il tema dell'ecologia, così come i risultati del governo italiano in materia sociale e di occupazione", ha fatto sapere una fonte del Rn.

Giorni fa, anche Silvio Berlusconi, da sempre amico di Orbán, ha mosso un passo verso l'alleanza con i sovranisti, osteggiata da molti tra i popolari.

Come questo: