Pubblicato: Lun, Aprile 08, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Di Maio è preoccupato per la "deriva di ultradestra" della Lega

Di Maio è preoccupato per la

Il segretario della Lega, infatti, torna poco dopo sui un nervo scoperto del Movimento 5 Stelle, ovvero la linea ad alta velocità Torino-Lione.

Ancora peggio va a Berlusconi: non più di metà dei suoi elettori confermerebbe la scelta.

La Supermedia YouTrend/Agi dei sondaggi politici di questa settimana conferma le tendenze a cui abbiamo assistito nel recente passato, sebbene sembrino rallentare. Si trattava di un odg che impegnava il governo ad adottare ogni iniziativa anche normativa per introdurre la possibilità di subordinare alla castrazione chimica la concessione della sospensione condizionale della pena.Ciò in caso di condanna per reati sessuali.

More news: Lavoro, Istat: a febbraio disoccupazione sale al 10,7%

Ora il mirino del leader della Lega si sposta giocoforza su quei 'numerini' dell'economia tanto vituperati in sede di lancio della manovra economica, per la gran parte fondata sul deficit, e poco e niente sugli investimenti (bloccati dai veti reciproci dei due contraenti il patto di governo). Risale di qualche decimo anche Forza Italia, ora accreditata del 9,9% dei consensi e lontanissima dai fasti di un tempo. "Io apprezzo la prudenza", ha detto il vicepremier ricordando la possibilità che la crescita del prodotto interno lordo italiano sia ben al di sotto delle aspettative paventate dall'esecutivo. "Il dato politico è che non potrebbe esistere alcuna altra maggioranza senza il MoVimento 5 Stelle".

Interessante l'analisi dei flussi elettorali fatta da Emg Acqua. "A parte lo spettacolo della lotta elettorale, la politica viene decisa in privato dall'interazione tra governi eletti e le élite che rappresentano quasi esclusivamente processi economici".

"Si arresta, invece, la rimonta del Pd". Tra gli indecisi anche il 22% dei democratici e il 16% di coloro che hanno votato Silvio Berlusconi. "Il soggetto che eroga" i contributi e "il soggetto che li riceve", stando alla nuova formulazione proposta, sono tenuti a fare dichiarazione congiunta solo "se non si tratta di trasferimenti tracciabilità che consentono di individuare l'identità del soggetto erogatore".

Come questo: