Pubblicato: Mer, Marzo 20, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Google presenta Stadia, la piattaforma "streaming" pronta a rivoluzionare il gaming

Google presenta Stadia, la piattaforma

A provare a fare ordine nel corso di un incontro che si è tenuto alla GDC 2019 ci ha pensato Jason Rohrer, autore di numerosi videogame che forse non hanno colto nel segno nel grandissimo pubblico ma che gli hanno permesso di capire come funziona il mercato dei giochi indipendenti e, infine, accumulare quasi 700.000 dollari in vendite con il suo ultimo lavoro, One Hour One Life. Questo funzionerà su PC, smartphone, tablet e TV con Chromecast. Lintento di Google è quello di rendere le informazioni universalmente accessibili nel modo più veloce possibile. Come avevamo preventivato in un precedente articolo, Google dovrebbe lanciare un particolare controller dotato di "capacità di streaming". Il general manager Phil Harrison ha assicurato inoltre che verrà supportato il cross-platform.

Stadia è una nuova piattaforma di gaming, che offre accesso istantaneo ai diversi giochi su qualsiasi tipo di schermo, che si tratti di TV, laptop, desktop, tablet o cellulare.

Dal punto di vista tecnico, Stadia si presenta subito come all'avanguardia su tutti i fronti: supporto alla grafica 4k con 60 frame al secondo già al momento del lancio, con l'intenzione a breve di supportare anche gli 8k e i 120 frame al secondo.

Google lancia Stadia, il Netflix dei videogiochi

La tecnologia Google usa una CPU da server separata dalla GPU di AMD (le console, invece, utilizzano un chip all-in-one, anche detto SoC, system on chip). I giocatori potranno disporre di una piattaforma sempre aggiornata, mentre gli sviluppatori avranno accesso a risorse pressoché illimitate per poter creare titoli più estesi e ambiziosi.

La società ha spiegato di aver collaborato con AMD alla progettazione di una GPU personalizzata dotata di “oltre dieci teraflop di potenza”, che sarà abbinata a una CPU personalizzata per ciascuna istanza di rendering di Stadia. Non è ancora chiaro quali saranno i prezzi del servizio e in che maniera Google monetizzerà la piattaforma. In un settore in cui più di 200 milioni di persone seguono quotidianamente contenuti legati al gaming su YouTube, Stadia permetterà di riprodurre molti di quei titoli con un semplice clic. Un secondo dopo, vi ritroverete trasportati nell'antica Grecia: niente download, niente aggiornamenti, niente patch o installazioni. L'azienda di Mountain View ha però presentato anche lo Stadia Controller, una proposta proprietaria disponibile in tre colorazioni - bianca, nera e verde - da utilizzare con tutti i dispositivi compatibili con il servizio.

“Innanzitutto, abbiamo sviluppato una connessione diretta dal controller di Stadia al nostro data center tramite Wi-Fi, per ottenere le migliori prestazioni di gioco possibili.

More news: Ultrà viola gli gridano "Devi morire", tifoso del Cagliari muore davvero

Come questo: