Pubblicato: Mer, Marzo 13, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Manchester, 26enne bresciana uccisa: due giovani già fermati dalla polizia

Manchester, 26enne bresciana uccisa: due giovani già fermati dalla polizia

È stata la coinquilina a trovare il cadavere e a dare l'allarme: i soccorritori, però, non hanno potuto fare altro che constatare la morte di Lala.

La comunità di Ponte San Marco, frazione di Calcinato, nella provincia di Brescia, è sconvolta per la morte di Lala Kamara, 26 anni, uccisa sabato scorso nella sua abitazione a Manchester, in Inghilterra, dove viveva ormai da circa tre anni.

More news: 8 marzo, Lega Crotone: "Il ruolo naturale della donna è in famiglia"

Suo fratello l'ha salutata con un post su Instagram: "Repose en paix, petite soeur": riposa in pace, sorellina. In attesa degli accertamenti medico-legali, la salma resterà in Inghilterra ancora per qualche giorno. Secondo quanto riporta il Giornale di Brescia aggiornando sul caso, dunque, la polizia inglese ha già fermato i presunti responsabili: un 21enne ed un 25enne, considerati i presunti autori dell'omicidio della 26enne, nata in Senegal e cittadina italiana. Si tratta di una morte violenta. Poi, la decisione di lasciare l'Italia. Si era trasferita nella città inglese tre anni fa per lavorare come infermiera. I genitori sono stati informati dell'accaduto domenica, da un'amica. Il primo lavoro lo ha trovato come baby sitter a Londra, poi si è trasferita a Manchester. Avevano festeggiato il compleanno di Lala solo un mese fa.

Come questo: