Pubblicato: Mar, Marzo 12, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

L'Ucraina inserisce Al Bano nella 'lista nera'


Secondo il ministero, Al Bano sarebbe una minaccia alla sicurezza nazionale.

Nell'elenco degli "indesiderati" ci sono ora 147 persone, e Albano (Карріззі Альбано) è stato inserito con il numero 48 a decorrere dallo scorso 6 marzo. A riferirlo è l'agenzia Interfax. Al Bano e Romina Power negli Anni 80 e 90 erano molto famosi nei Paesi dell'ex Unione Sovietica. Ad Al Bano vengono rinfacciate vecchie frasi di apprezzamento per Putin, espresse in linea di massima e a cuor leggero, e nessuno si sarebbe sognato che un domani se ne sarebbero tratte conseguenze diplomatiche. Il presidente russo ha elogiato Al Bano in più occasioni e quest'ultimo non ha fatto di meno.

Non solo: nella lista, in cui sono presenti per lo più personaggi russi (alcuni di questi già morti), figurano anche Плачідо Мікеле, Michele Placido, il regista serbo Emir Kusturica e l'attore Gerard Depardieu.

More news: Roma, interrompe la messa in diretta tv urlando "sono Dio"

Come è ormai noto, i rapporti tra Ucraina e Russia sono da lungo tempo molto tesi.

Questa la replica del cantautore all'azione mossa dal governo di Kiev: 'Sono una persona normale, mai fatto politica', ha commentato. "Io porto canzoni di pace e non di guerra e non a caso il brano 'Libertà' è stato inserito tra quelli di maggior successo proprio in Ucraina".

In Ucraina invece, racconta, "sono stato circa tre o quattro anni fa, e mi sono trovato bene". Mi hanno chiesto in tutte le parti del mondo perché vado in Russia e ho sempre risposto che vado perché mi chiamano per cantare, come è normale; poi sulla Russia dico quel che penso senza volere offendere o criticare altri paesi. Ha il pugno di ferro e non ci vedo nulla di male.

Come questo: