Pubblicato: Mar, Marzo 12, 2019
Medicina | Di Gottardo Magnano

Giornata mondiale del rene, a Terni screening gratuito

Giornata mondiale del rene, a Terni screening gratuito

Le persone che risulteranno essere affette da patologia renale senza saperlo saranno avviate ad un percorso diagnostico approfondito presso l'Azienda ospedaliera e la Usl Umbria 2 per poter intervenire tempestivamente con un piano terapeutico e comportamentale ottimale per rallentare la sua progressione, prevenire complicanze e conservare, quindi, una buona qualità della vita.

Prevenzione per tutti a Roma il 14 marzo, in occasione della Giornata mondiale del rene.

Lo screening prevede esami standard delle urine e creatinina serica e la misurazione della pressione arteriosa.

"L'insufficienza renale cronica (IRC) è una patologia insidiosa - spiega il dottor Riccardo Maria Fagugli, direttore della struttura di Nefrologia e Dialisi del Santa Maria di Terni - proprio perché non presenta sintomi e può operare indisturbata per anni per poi manifestarsi quando è tardi per affrontarla in modo efficace".

More news: Roma, interrompe la messa in diretta tv urlando "sono Dio"

Durante il mese di marzo, che è dedicato alla prevenzione delle malattie renali, proseguirà la presenza della SOC Nefrologia nelle piazze, precisamente il 16 marzo in Corso Paolo Ferraris a Domodossola e il 23 marzo in Piazza Ranzoni a Verbania Intra dalle ore 9 alle ore 14.

La malattia renale cronica colpisce circa del 10% della popolazione generale (fino al 40% degli anziani) ed è una delle prime cause di morte in Italia. A tal fine è fondamentale la sensibilizzazione della popolazione, in particolare per quanto riguarda la prevenzione e diagnosi precoce. In Italia, l'insufficienza renale, viene ancora considerata come una malattia rara, il cui unico rischio è la possibilità di evoluzione verso la fase terminale di malattia, quella che richiede il trattamento dialitico o il trapianto di rene; passano in gran parte misconosciute le gravi conseguenze dell'insufficienza renale sul sistema cardiovascolare ed il rischio di compromissione renale nei pazienti con malattie coronariche ed insufficienza cardiaca.

A supportare gli operatori della nefrologia e dialisi ci saranno i volontari ANED, l'associazione nazionale dializzati e trapiantati renali e dell'Associazione "Si Rene" che sostiene e rappresenta i nefropatici. La prevalenza in Italia di pazienti in dialisi nel 2015 è risultata di 770 per milione di abitanti, mentre l'incidenza era di 154 pazienti per milione di abitanti.

Come questo: