Pubblicato: Sab, Marzo 09, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Ft,Italia dice sì a nuova via della Seta dimensione font + -

Ft,Italia dice sì a nuova via della Seta dimensione font + -

La mossa dell'Italia, secondo Ft, avrebbe irritato la Casa Bianca.

La firma di un Memorandum of Understanding potrebbe avvenire già in occasione della visita italiana del presidente cinese Xi Jinping, prevista per il prossimo 22 marzo. A stretto giro è arrivata la risposta di Pechino, "Si tratta di valutazioni assurde", ha commentato Xi Jinping. In un editoriale, il giornale è da sempre molto vicino alle posizioni dell'esecutivo di Pechino, il Global Times rimarca che l'atteggiamento statunitense è legato a una concezione di potere ormai anacronistica. La Nuova Via della Seta, continua la testata "presenta molti vantaggi" per l'Italia, definirla una trappola significa "mostrare disprezzo per il quoziente intellettivo degli italiani". L'Italia diventerebbe il primo paese del G7 a siglare l'accordo con la seconda economia al mondo.

More news: Usa. Presidenziali 2020, l’annuncio di Hillary Clinton

Simili valutazioni economiche sembrerebbero riguardare anche gli Stati Uniti, infatti, proprio ieri, sono stati diffusi i dati dal Dipartimento del Commercio di Washington, dai quali risulta che il deficit commerciale maturato nel 2018 dagli Stati Uniti con la Cina ha raggiunto i 419,2 miliardi di dollari, e nonostante le politiche protezionistiche di Trump sarebbe aumentato di circa 43miliardi rispetto al 2017.

Come questo: