Pubblicato: Gio, Marzo 07, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Macron spinge per un nuovo 'rinascimento europeo'

Macron spinge per un nuovo 'rinascimento europeo'

Non abbiamo altra scelta, che combinare le nostre forze se vogliamo guadagnare la nostra autonomia strategica e in definitiva la nostra vera sovranità": "lo ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron, che ha chiuso a Parigi i lavori della sessione inaugurale del "College dei servizi segreti in Europa", che ha riunito i responsabili dell'intelligence dei Ventotto Paesi membri dell'Ue e di quelli di Svizzera e Norvegia. Macron parte dalla Brexit, definita un "simbolo della crisi dell'Europa che non ha saputo rispondere al bisogno di protezione dei popoli dinanzi ai grandi shock del mondo contemporaneo", per esternare le proprie preoccupazioni sul futuro dell'Europa. "Chi disse ai britannici la verità sul loro avvenire dopo l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue?" Il ritiro nazionalista non offre nulla; è un rifiuto senza progetto. Avremo dei disaccordi, ma è meglio un'Europa fossilizzata o un'Europa che progredisce, talvolta a ritmi diversi, rimanendo aperta a tutti? Usciamo da questa insidia; diamo un senso alle prossime elezioni e al nostro progetto. In questa Europa, i popoli avranno veramente ripreso il controllo del loro destino; in questa Europa, il Regno Unito, ne sono certo, troverà pienamente il suo posto.

"L'Europa non è mai stata così in pericolo" - sostiene l'inquilino dell'Eliseo - "Se mi prendo la libertà di rivolgermi direttamente a voi, è perché c'è urgenza..." Mai dalla seconda guerra mondiale l'Europa e' stata cosi' necessaria.

La lettera è divisa in tre paragrafi principali: "Difendere la nostra libertà", "Proteggere il nostro continente" e "Ritrovare lo spirito del progresso". Da lì dovranno uscire delle proposte concrete per riformare l'Ue "senza tabù, nemmeno quello della revisione dei Trattati". Ma la grande ambizione di "un'Europa sovrana, unita e democratica".

More news: Federer ai quarti a Dubai, Verdasco ko

Macron propone tre riforme chiave: la revisione di Shengen per ripristinare "la libertà in sicurezza", inclusa una 'polizia comune delle frontiere e un ufficio europeo dell'asilo'; c'è poi la creazione di un Consiglio di sicurezza per la difesa comune e il divieto di finanziamenti stranieri a politici Ue.

Nel complesso la lettera contiene una decina di proposte. Macron propone anche la creazione di una "banca europea per il clima".

Come questo: