Pubblicato: Mar, Marzo 05, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Nanga Parbat, ricerche Nardi-Ballard rimandate. La fidanzata di Tom: "Nessuna speranza"


"Grazie all'intervento dell'Ambasciatore Stefano Pontecorvo e alla preziosa collaborazione dell'Aviazione pakistana, questa mattina, alle 12.30 ora locale, due elicotteri della aviazione militare pakistana hanno ottenuto l'autorizzazione definitiva al decollo e al volo fino al campo base del K2".

"Non ha più senso cercarli, non c'è più speranza".

Riprendono le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da una settimana sul Nang Parbat. "Un particolare ringraziamento - conclude lo staff di Nardi - va ad Ali Sadpara e al team al campo base". Nella squadra di soccorso c'è anche l'alpinista spagnolo Alex Txikon. L'ultima comunicazione con i due era avvenuta domenica mattina, e nei giorni seguenti erano state avviate le ricerche. Sulle operazioni pesa, oltre alla variabile meteo, anche l'incertezza generata dalle tensioni militari tra Pakistan e India nel vicino Kashmir, che potrebbero rendere più rigida la no-fly zone, impedendo i decolli degli elicotteri.

More news: Valentina Allegri spicca "il volo": è finita con Piero Barone

Da ormai otto giorni sono dispersi il 42enne alpinista italiano di Sezze ed il 30enne alpinista britannico che da una decina d'anni risiede a Vigo di Fassa in Trentino che stavano scalando lo Sperone Mummery sulla parete Diamir, schiena rocciosa minacciata da continue valanghe di ghiaccio che mai nessun alpinista è riuscito a superare durante i mesi invernali. Nelle prime sette ore sono stati raccolti 20 mila euro, offerti da quasi 600 donatori.

Alex Txikon ora, assieme ad un altro alpinista, si sta dirigendo verso campo 2 mentre Ignacio de Zuloaga, alpinista e ingegnere, sta predisponendo i droni che inizieranno a perlustrare attentamente e dettagliatamente i percorsi e le possibili traiettorie di caduta. L'iniziativa per "dare un aiuto alle ricerche" dei due alpinisti è stata ufficialmente riconosciuta dallo staff di Nardi e le somme non utilizzate saranno devolute alle scuole del Pakistan.

Come questo: