Pubblicato: Lun, Marzo 04, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Matteo Salvini favorevole alla riapertura delle case chiuse

Matteo Salvini favorevole alla riapertura delle case chiuse

E' quanto afferma Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Papa Giovanni XXIII, in merito alla dichiarazione del Vice-Premier Salvini sulla riapertura delle case chiuse.

Lui si dice d'accordo alla riapertura delle case chiuse, spiegando come l'obiettivo finale debba essere quello di mettere fine alla tratta di esseri umani al fine della prostituzione femminile e maschile, garantendo "che le/i sex workers siano veramente liberi". A dirlo all'Adnkronos e' la trans di origine turca, da anni in Italia, Efe Bal, che si prostituisce "per scelta".

Insieme a lei ci sarà anche la scrittrice e giornalista Julie Blidel, autrice di un libro dal titolo eloquente soprattutto per una certa generazione: "Il mito pretty woman", un'indagine che vuole sfatare il falso mito del sex work. Oggi in Italia questo mercato lo gestisce la criminalità. Non c'è nel contratto di governo, perché i 5S non la pensano in questo modo.

More news: Juventus, Szczesny: "Pinsoglio ha vinto quanto Totti"

"In Austria, Svizzera, Germania si mettono le regole, si danno garanzie". In Veneto, ad esempio, la proposta del consigliere regionale Antonio Guadagnini (contrario alla Legge Merlin che a detta sua è colpevole di aver creato un "gigantesco giro d'affari illecito") di fare un albo ad hoc per le prostitute ha avuto un primo parere positivo dalla commissione competente.

"L'idea del ministro Salvini di riaprire le case chiuse è la strada più sensata per colpire gli interessi della criminalità organizzata ed i trafficanti di uomini, per prevenire malattie, garantire sicurezza e risparmiare ai bambini gli squallidi spettacoli che si vedono lungo le strade e agli angoli delle città". "Quindi io continuo a ritenere che il modello austriaco sia un modello che funziona". "Forse è più facile parlare di questo piuttosto che della difficile situazione economica" ha ribadito negli ultimi giorni!".

Del resto, le stesse proposte organizzative di "rinnovamento" avanzate da Di Maio non si allontanano dalla superficialità di cui sopra, nel senso e nella misura con cui hanno per dir così riflettuto sulla sconfitta del mitico "nuovo che avanza" e non è avanzato, anzi. Ogni settimana è presente con 28 unità di strada e 120 volontari per incontrare le persone che si prostituiscono.

Come questo: