Pubblicato: Ven, Marzo 01, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Brugnaro-Marinese: sostegno all'a.d. Fincantieri Giuseppe Bono

Brugnaro-Marinese: sostegno all'a.d. Fincantieri Giuseppe Bono

Lo comunica la società dopo il consiglio di amministrazione sul bilancio del 2018. La società cantieristica ha ottenuto ricavi per quasi euro 5,5 miliardi di euro con una crescita del 9% rispetto al 2017.

"Come non ricordare, ad esempio, che quattro anni fa proprio l'attuale amministratore delegato di Fincantieri, facendo leva anche sulle divisioni sindacali, decise di intervenire pesantemente sulla contrattazione disdettando tutti gli accordi integrativi aziendali concordati con il sindacato e pretendendo di ridurre il salario fisso dei lavoratori, di aumentare quello variabile, di allargare le quote di welfare contrattuale per sostituire i premi fissi precedentemente e rogati ad operai, tecnici ed impiegati", stigmatizza la Fiom. Così l'Amministratore Delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, aprendo la conference call con gli analisti ai quali sono stati presentati i risultati 2018. Il Cda ha infine proposto la distribuzione di un dividendo pari a euro 0,01 per azione. "Il già di per sé significativo aumento dei ricavi, che crescono quasi del 10%, è solo un primo passo nel percorso che mira ad un aumento dei volumi di circa il 50% entro il 2022 e che richiederà un notevole sforzo organizzativo e una chiara visione delle sfide future".

More news: Test Montmelò, Vettel va fuori pista con la Ferrari

"Si tratta di una vera e propria alzata di scudi a difesa di Giuseppe Bono che, stante ad alcune indiscrezioni rese note la scorsa settimana da Il Fatto Quotidiano potrebbe addirittura essere avvicendato, per decisione del governo, alla guida del gruppo Fincantieri - spiega il sindacato -".

Bono ha sottolineato che i risultati sono anche "il frutto del lavoro dei dipendenti e dei subcontractor" anticipando che "c'è ancora molto da fare" insieme "per un futuro migliore".

Come questo: