Pubblicato: Mer, Febbraio 27, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Emma Marrone tra delirio e critiche sui social: la replica della cantante

Emma Marrone tra delirio e critiche sui social: la replica della cantante

Dopo che queste parole sono state rimbalzate sui vari social network e su alcuni siti d'informazione, non si è fatta attendere la replica di uno dei rappresentanti della Lega Nord, Massimiliano Galli. In condizioni drammatiche, e magari rispediti regolarmente altrove se non morti nel frattempo.

Tentativo di spiegazione In un primo momento Galli ha messo le mani davanti alla telecamere dell'operatore delle Iene, rifiutandosi di parlare. Dividendo il suo stesso pubblico. In una tappa del suo tour, la cantante salentina avrebbe fatto ai suoi fan un discorso di inclusione e pace, concludendo con la frase "aprite i porti!".

"La Lega Umbria si dissocia dal commento sessista espresso dal consigliere comunale di Amelia", aveva sottolineato il segretario regionale del Carroccio, il deputato Virginio Caparvi. "La mia è stata una iperbole che poi è stata strumentalizzata dai miei avversari politici". Ma questo episodio ha segnato un passare ogni limite. Per questo comunico l'irrevocabile decisione di avviare fin da subito le procedure per la sua espulsione dal partito. Certi commenti sono sempre sbagliati, ma quando si ha un ruolo di rappresentanza non sono proprio permesse certe affermazioni.

More news: Roma, inaugurata la nuova sede: presenti anche Conte e la Raggi

Senza dubbio una dedica indirizzata al Vicepremier Matteo Salvini, che intanto esce sempre meglio dalla questione dei migranti della Diciotti che in questi giorni ha tenuto banco. "Ha detto un'idiozia, spero di andare presto a un suo concerto", ha dichiarato Salvini ai microfoni dei giornalisti a margine della visita alla Casa Circondariale di Piacenza, visita nel corso della quale ha incontrato anche l'imprenditore condannato a quattro anni di detenzione per aver ferito un ladro sorpreso all'interno del cantiere.

Non è stato un concerto semplice quello per Emma Marrone quello tenuto ad Ancora. L'episodio durante il concerto al PalaPrometeo anticipando il weekend, una risposta emotiva al triste commento leghista. "Io non sono madre, ma vorrei che un domani mio figlio crescesse in un'Italia sana, bella, pulita, rispettosa dei diritti di tutti". Nessun genitore vorrebbe vedere la propria figlia trattata cosi', per aver detto una cosa tranquilla, un pensiero libero. Molte le attestazioni di solidarietà contro l'offesa subita da Emma.

L'uomo ha pensato bene di rispondere con una battuta misogina scatenando le reazioni immediate del mondo dei social e di quello politico. "Certo non ci fanno paura, vai avanti così!".

Come questo: