Pubblicato: Sab, Febbraio 09, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Stadio Roma, chiesto il processo per Parnasi ed altri 14

Stadio Roma, chiesto il processo per Parnasi ed altri 14

(Roma). "Le parole della sindaca Virginia Raggi sullo stadio della Roma sono un'ottima notizia. Siamo a favore delle opere utili che portano benefici alla città e ai cittadini, come in questo caso, dove si riqualifica un quadrante della città". È un passaggio fuori dalla procedura, non aveva un valore giuridico ma mediatico politico, ed è stato giusto che l'amministrazione abbia fatto controlli ulteriori sulla sostenibilità del progetto. Se oggi un sindaco ufficialmente dopo questa lunghissima telenovela sullo stadio, che parte da molto lontano, dopo la relazione ufficializza la posa della prima pietra, non può che essere la volta buona.

A onore del vero va ricordato che il parere è affermativo, ma "condizionato". L'unica soluzione per il presidente di Roma Servizi per la Mobilità è l'investimento sul trasporto pubblico: "Non serve costruire altre infrastrutture, stiamo lavorando per fornire la possibilità di spostarsi con meno macchine possibili". Lo ha annunciato tre giorni fa, il 5 Febbraio, presentando la relazione del Politecnico sulla mobilità relativa all'impianto previsto a Tor di Valle. Nella misura in cui queste azioni verranno attuate prima della messa in esercizio dello stadio potranno garantire al tifoso di non utilizzare esclusivamente l'auto. Ma non si va oltre le dichiarazioni. Il progetto dello stadio conferma che la scelta della mobilità sostenibile è la strada giusta. Lo si legge nel Parere del Politecnico di Torino sui flussi di traffico nell'area dello Stadio. Alla riunione non hanno partecipato neanche i consiglieri grillini, alcuni dei quali ancora contrari alla variante urbanistica che manca per sbloccare definitivamente l'iter per l'impianto di Tor Di Valle.

More news: Parigi, fiamme in un palazzo: i morti sono dieci

"Lo stadio si fa", dice però Raggi di buon mattino, accanto all'estensore della relazione, il professor Bruno Dalla Chiara, che di fronte a taccuini e telecamere smussa non poco i toni lasciati invece nero su bianco nel rapporto che sarà svelato nel pomeriggio.

Come questo: