Pubblicato: Mar, Febbraio 05, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Tav, Di Maio: Salvini? Sconsiglio di creare tensioni in governo

Tav, Di Maio: Salvini? Sconsiglio di creare tensioni in governo

Lo dice Luigi Di Maio, da Ortona, durante un incontro con la stampa prima di un evento di campagna elettorale per le elezioni regionali in Abruzzo, replicando alle parole pronunciate dall'altro vicepremier, Matteo Salvini, a proposito di Tav. Ma poi sottolinea anche: "So bene che il voto arriverà non questa settimana, ma fra qualche settimana.". "Il ridimensionamento dell'opera è una supercazzola". Per me questo Governo deve andare avanti, ma sulle cose su cui siamo d'accordo. Di Battista precisa ancora: "Questa storia che siamo per il no alle infrastrutture è una bugia. In questo momento è intelligente andare avanti" prosegue il vicepremier M5S, parlando a Pomigliano D'Arco, sua città natale. E sarà così anche stavolta. "Le peggiori lobby di questo paese vogliono che si cominci un lavoro che è a zero". Si tratta lavoratori del settore delle estrazioni - che in Abruzzo dà occupazione a migliaia di persone, con l'indotto - furiosi per la norma del decreto semplificazioni sullo stop alle trivelle.

Di tutt'altro avviso è Matteo Salvini. "Voglio risolvere i problemi e finire le opere lasciate a metà".

Non è difficile capire cosa sia successo: i partiti "nazionali" al Governo o nei pressi, Lega per Salvini, Forza Italia e Movimento Cinque Stelle, che vedono come il fumo negli occhi qualsiasi rafforzamento della rappresentatività politica ed istituzionale della Lombardia e di Milano, al fine di stroncare sul nascere una pericolosa novità politica passante da un nuovo ordinamento istituzionale di fatto, hanno usato le leve del diritto e delle formalità spagnolesche per riattizzare un clima di rissa fra partiti in funzione elettorale.

More news: Inter, Marotta allontana il fantasma Conte: "Abbiamo massima fiducia in Spalletti"

"C'e' gia' un'idea di compromesso sulla Tav".

Sulla Tav "a tirare dritto sono io". Una cosa è parlarne in via teorica e guardare in televisione quello che è stato fatto, un'altra cosa è vedere di persona come ho fatto io", è l'invito del ministro: "è "una grande opera ingegneristica, un miracolo italiano". "In Senato ognuno sarà libero di votare come crede". Di Maio, soffermandosi sulla richiesta di autorizzazione a procedere da parte del Tribunale dei Ministri di Catania fa presente che "noi nella nostra storia non abbiamo mai votato per utilizzare le immunità parlamentari" ma il caso Diciotti "è un po' diverso". Per Di Battista, quindi, la Lega potrebbe tornare da Berlusconi per realizzare la Tav: in quel caso "nemici come prima", afferma l'ex deputato M5s sostenendo che per lui l'alta velocità Torino-Lione è una "stronzata". "Per noi la Tav è un'opera inutile" afferma la Castelli.

Come questo: