Pubblicato: Ven, Febbraio 01, 2019
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Selvaggia Lucarelli contro Le Iene: "Questo programma andrebbe chiuso ora"

Selvaggia Lucarelli contro Le Iene:

"Tuttavia, da aprile dello scorso anno sino a ieri, siamo stati fatti oggetto di un'incredibile e ingiusta campagna di sospetti, con azioni radio-televisive rivolte non a una asserita verità e nemmeno a un esercizio (sterile) di revisione di prove già spese e a processi ormai esauriti, ma a insinuare nel pubblico un sospetto infame su Pietro".

La strage venne compiuta nell'appartamento di una corte ristrutturata nel centro della cittadina, e furono uccisi a colpi di coltello e spranga Raffaella Castagna, il figlioletto Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini con il suo cane.

More news: Vaticano, molestie a donna prete Sant’Uffizio lascia

Dopo la puntata di Storie Maledette di Franca Leosini su Rosa e Olindo, dichiarati colpevoli e ora in carcere, la trasmissione di Italia Uno, questa sera, 29 gennaio, propone "Rosa e Olindo, due innocenti all'ergastolo?". "Verranno mostrate nuove testimonianze clamorose, elementi e documenti fino a oggi mai mostrati in tv". La puntata si concentrerà sui momenti salienti di questo caso di cronaca nera e tutte le anomalie emerse finora. Chemcoum ha confermato per la gran parte a Monteleone tutto quello che aveva raccontato ai Carabinieri nel 2006 e che avrebbe voluto e dovuto raccontare durante il processo. L'uomo si è anche detto disponibile a tornare in Italia a depositare la sua testimonianza qualora venisse richiamato dai magistrati.

Il tunisino dichiara, infatti, di aver visto verosimilmente Castagna l'11 dicembre 2006 all'ora della strage nei pressi della casa della sorella. Dichiarazioni che non coincidono con quelle di Pietro, che invece aveva sostenuto alle autorità di essere in quel momento nella sua abitazione a dormire. Il padre Carlo dice che era a casa con il figlio Beppe e che il fratello Pietro è arrivato alle 22 con la Panda della madre. L'uomo afferma di volersi procurare una nuova Sim card per il telefono. Perché? Infine, la Iena ha parlato dei punti controversi di questa vicenda con diverse persone tra cui giornalisti, psicologi, avvocati, criminologhi.

Come questo: