Pubblicato: Ven, Febbraio 01, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Brexit, Juncker: "L'Ue non rinegozierà l'accordo" VIDEO

Brexit, Juncker:

L'accordo raggiunto tra Bruxelles e Londra, e già rigettato in maniera secca ai Comuni lo scorso 15 gennaio, "è il migliore possibile" e "non è rinegoziabile" ha sentenziato. Il primo ministro britannico inaugurando oggi la ripresa del dibattito ai Comuni sul 'piano B' sulla Brexit, in votazione il prossimo 13 febbraio, aveva detto ai suoi ministri che per ottenere il sostegno del parlamento per il suo accordo sulla Brexit, doveva essere riaperto il dialogo con Bruxelles. E se non si raggiunge un compromesso, la Brexit avverrà in automatico senza nessun accordo: anche perché, abbastanza a sorpresa, il Parlamento ha nettamente respinto un emendamento laburista che mirava a rinviare la Brexit per evitare un "no deal".

"Per noi l'accordo di recesso è e resta l'unico, il migliore per garantire un'uscita ordinata del Regno Unito dall'Ue", gli fa eco il capo negoziatore Ue Michel Barnier alla miniplenaria del Pe a Bruxelles. Ha quindi aggiunto che "opporsi a un no deal non basta" e occorre trovare un deal, in seguito all'approvazione dell'emendamento non vincolante contro una Brexit no deal approvato stasera dai Comuni. "Prendiamo atto del fatto che si voglia più chiarezza sul regime transfrontaliero fra Irlanda del Nord e Repubblica irlandese".

More news: Valentino Rossi show, in tv spiega la svolta della propria carriera

Intanto la premier Theresa May continua a cercare una soluzione per uscire dall'impasse. Brexit ha reso evidente che è quasi impossibile lasciare l'UE, ha scritto Erlanger, ma non ha risolto tutti gli altri problemi che ormai da diverso tempo affliggono l'Unione. "Questo è il cambiamento sul backstop, questo è ciò che porterò all'Unione Europea". "I fatti - dice un portavoce di Downing Street, mentre fonti governative britanniche parlano di reazioni immediate non inattese - sono chiari: l'Ue dice di volere che usciamo con un accordo".

È stata la stessa May, inizialmente scettica, a decidere poi di appoggiare questa modifica chiedendo ai deputati un mandato per tornare a negoziare con l'Ue.

Come questo: