Pubblicato: Dom, Gennaio 27, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Bimbo caduto nel pozzo, manca 1 metro per raggiungere Julen

Bimbo caduto nel pozzo, manca 1 metro per raggiungere Julen

Julen era caduto nel pozzo, profondo 100 metri, mentre giocava in una zona dove i genitori stavano facendo un picnic.

L'intera Spagna, profondamente scossa dalla vicenda, ha seguito l'evolversi delle operazioni di salvataggio incollata davanti alla tv: diversi media spagnoli hanno infatti seguito in diretta e senza interruzioni i lavori nel cantiere di Totalán, da cui tutt'ora stanno trasmettendo. Mentre dozzine di soccorsi sono impegnate nel salvataggio del piccolo sorgono però dubbi sul caso. Julen è caduto nel pozzo il pomeriggio di domenica 13 gennaio. "Dobbiamo riportare Julen dai genitori", questo è il mantra che viene continuamente ripetuto da chi è all'opera per estrarlo da quell'inferno di sabbia e terra.

Come è caduto il bambino in quel maledetto pozzo? Il piccolo è stato trovato morto dopo 13 giorni di agonia e una ricerca disperata e senza precedenti che ha mobilitato tutta la Spagna. Con noi c'erano anche Julen e la loro bambina che ha due anni e mezzo (la stessa età di nostro figlio).

More news: Diretta Juventus-Chievo ore 20.30: probabili formazioni e dove vederla in tv

Dopo la quarta di esse, la più delicata vista la sua vicinanza al bambino, Josè, il padre, si è sentito male a causa di una crisi d'ansia ed è stato prontamente soccorso dai sanitari. Gli enormi sforzi messi in atto per salvare il bimbo di due anni sono stati vani e in queste ore si sta ora lavorando per riportare il cadavere in superficie. Come accadde a Vermicino, agli albori della cronaca in diretta, non sono mancate le accuse di eccessiva spettacolarizzazione, con il Consejo Audiovisual de Andalucía che ha annunciato che verificherà se sono stati violati i diritti fondamentali del minore e dei suoi familiari. Nel frattempo, un tribunale di Malaga indaga sulle circostanze in cui si è verificato lo sfortunato incidente. Col passare delle ore si erano fatte sempre più flebili le speranze di trovarlo in vita.

Un'altra microcarica esplosiva, la quarta, necessaria per vincere le ultime resistenze del terreno è avvenuta dopo aver già raggiunto i 3,35 metri sui 3,8 di distanza tra i minatori e il piccolo dentro al tunnel scavato.

Come questo: