Pubblicato: Ven, Gennaio 11, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Ancora violenza ultras: scontri alla festa della Lazio

Ancora violenza ultras: scontri alla festa della Lazio

Nella notte tra l'8 e il 9 gennaio 2019 ci sono stati degli scontri tra tifosi della Lazio e polizia in piazza della Libertà a Roma. Il bilancio è di almeno dieci poliziotti feriti, un ultrà arrestato e tre denunciati. Sono in corso indagini, anche con i filmati della polizia scientifica, per ricostruire cosa sia effettivamente accaduto ed accertare le responsabilità di chi è rimasto coinvolto negli scontri. Sul caso, comunque, la Procura di Roma ha aperto un'inchiesta ipotizzando i reati di violenza privata, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. A piazzale Clodio si attende una informativa della Digos. Il procedimento è coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale. Dalla folla si sono staccati all'incirca 200 tifosi che hanno puntato contro gli agenti del reparto Mobile.

Dure parole di condanna dal presidente della Lazio, Claudio Lotito: "Io rispondo dei comportamenti della società, non dei singoli comportamenti di pseudo-tifosi". Ieri Giancarlo Giorgetti, sottosegretario allo sport e braccio destro di Salvini, ha invocato il rispetto delle regole Uefa sul razzismo, in pratica contraddicendo lo stesso Salvini che non vorrebbe sospensioni di partite.

More news: Scossa di terremoto in Lombardia di magnitudo 2.0

"Anche i tifosi devono essere uniti per poter raggiungere quello che noi ci siamo prefissati". Un tifoso è stato denunciato e tre denunciati, tutti sottoposti a daspo, mentre proseguono le verifiche per identificare le altre persone coinvolte.

L'oltraggiosa provocazione dei romanisti riporta alla memoria quanto fatto dai 'cugini' laziali, quando sui vetri divisori della Curva Sud, occupata dai tifosi biancocelesti in occasione di Lazio-Cagliari, furono affissi altri adesivi antisemiti, che raffiguravano Anna Frank con la maglietta dell'As Roma (qui la notizia).

Come questo: