Pubblicato: Mer, Gennaio 09, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Referendum propositivo, Salvini al M5S: "quorum è necessario"

Referendum propositivo, Salvini al M5S:

Al centro del dibattito è finito il quorum referendario: il Movimento 5 Stelle ha presentato una proposta di legge costituzionale, che andrà all'esame della Camera a metà gennaio, volta a introdurre il referendum propositivo e l'abolizione del quorum. Parole rigettate dal ministro proponente, Riccardo Fraccaro, che agita il Contratto del Governo del cambiamento a sostegno delle sue tesi. "Coinvolgere i cittadini è fondamentale, la Svizzera è un modello però un minimo di quorum bisogna metterlo - ha scandito il vicepremier - altrimenti qui si alzano in dieci la mattina e decidono che fare". Sulle quali "la centralità spetta al Parlamento e non al Governo".

La maggioranza cerca l'accordo sul quorum per il referendum propositivo, da introdurre nella riforma costituzionale in discussione alla Camera. Il punto di caduta, a quanto apprende l'AdnKronos da fonti parlamentari, potrebbe essere a quota 20-25%, dopo il ritiro dell'emendamento leghista che chiedeva quota 33%.

E ancora: "Condivido con Salvini l'idea che la Svizzera sia un modello e che i cittadini vadano coinvolti sempre di più nei processi decisionali - prosegue Fraccaro - A tal propositivo va ricordato che in Svizzera c'è il quorum zero e che anche il contratto di Governo prevede espressamente di cancellare il quorum, proprio per incentivare la partecipazione attiva".

More news: Thailandia, 3 vittime tempesta Pabuk

Il sogno del M5s è il referendum propositivo senza quorum, una proposta di revisione della Costituzione che verrà discussa a partire da questa settimana in commissione Affari costituzionali alla Camera dei deputati.

Il problema è che le opposizioni sono tutte a favore dell'introduzione di un quorum. "In ogni caso non presentiamo nessun emendamento ostruzionistico e siamo pronti a votare qualsiasi quorum decente". Il deputato Pd critica anche l'ipotesi di portare consentire il referendum "anche su leggi di spesa o in materia penale: un conto è integrare una democrazia rappresentativa e un altro è scardinarla". E, c'è da scommetterci, in questi tempi di campagna elettorale permanente le frizioni e i botta e risposta pubblici tra Lega e Movimento 5 stelle non mancheranno. Ora Salvini però frena. "Non si può eliminare del tutto l'esigenza (del quorum, ndr) affidandosi al solo voto dei partecipanti, lasciando la strada aperta a possibili dittature di minoranze", sottolinea Stefano Ceccanti a nome dei Dem, convinti anche della necessità di indicare espressamente limiti sugli argomenti dell'iniziativa popolare. Plauso di Salvini, invece, sul taglio degli stipendi dei parlamentari messo in agenda dal M5S: "E' sacrosanto". "La legittima difesa è un diritto, diritto alla difesa della vita e alla proprietà che è sacra".

Come questo: