Pubblicato: Mer, Gennaio 09, 2019
Sportivo | Di Concetto Furlan

Ferrari: adesso è ufficiale, Mattia Binotto nuovo Team Principal

Ferrari: adesso è ufficiale, Mattia Binotto nuovo Team Principal

Proprio Arrivabene agli inizi di novembre aveva smentito la lotta intestina con Binotto: "Sono solo fake news, sono state messe in giro voci ad arte per destabilizzare il team".

Qualcosa dev'essere successo perché John Elkan, che a ottobre aveva riconfermato la fiducia a Maurizio Arrivabene, abbia cambiato idea e abbia affidato la responsabilità della Gestione Sportiva Ferrari a Mattia Binotto, 49 anni, ingegnere di grande talento motoristico, dal 1995 in Ferrari. Dal 2004, ha accelerato: da ingegnere dei motori di gara è passato capo ingegnere corse (2007), quindi responsabile delle operazioni motore (2009), poi vice direttore motori (2013) e, a seguire, direttore motori (2014) e direttore tecnico (2016), quando sostituì James Allison con la qualifica di Chief Tchnical Officer, la figura che coordina le varie sezioni di Maranello (telaisti, aerodinamici, motoristi) e quindi ha un peso decisivo anche nello sviluppo della monoposto del 2017 e del 2018. A Maurizio vanno i ringraziamenti da parte di tutta la Ferrari per il lavoro svolto e per aver contributo a riportare la squadra a livelli estremamente competitivi. Inoltre, sempre a Binotto, continueranno a rispondere tutte le funzioni tecniche. La Ferrari ringrazia Arrivabene facendogli gli auguri anche "per le prossime sfide professionali".

More news: Chelsea, Sarri: "Barella? Se va via Fabregas abbiamo bisogno di un sostituto"

Maurizio Arrivabene, classe 1957, era arrivato alla Ferrari dopo una lunga carriera alla Philip Morris. Tre secondi posti della Ferrari nella classifica costruttori e secondo posto di Vettel nella classifica piloti del 2017-2018. Quotidiano.net infatti su di lui scrive: "Bresciano, sessantadue anni fra due mesi, ferrarista nell'anima sin da quando era bambino, Arrivabene ha partecipato e partecipa, come membro del consiglio di amministrazione della Juventus, ai successi della società presieduta dal suo caro amico Andrea Agnelli".

LEGGI F1, rivoluzione Ferrari?

Come questo: